Products

Vita da freelance: dieci sedie per l’home office

Chi è freelance conosce bene l'importanza di una buona sedia da home office. È lei che ci accompagna durante la giornata, che offre una seduta accogliente mentre lavoriamo o ci prendiamo una pausa relax. Requisito indispensabile è che sia comoda, ma non solo.

Rispetto agli uffici, in cui spesso viene data priorità alla funzionalità, il contesto abitativo richiede una maggiore cura del dettaglio estetico: si vuole che la sedia si inserisca armonicamente nell'arredamento della casa, che ne sposi lo stile, ma soprattutto che assomigli il meno possibile alle classiche (e spesso antiestetiche) poltrone da ufficio.

La sedia del freelancer ha un compito in più: è l'elemento chiave attorno al quale costruire un angolo di benessere e ispirazione. Scegliere il modello giusto dipende dalle necessità, da quanto tempo si passa davanti al computer (se è tanto, meglio una sedia che offra prestazioni ergonomiche) e dal tipo di uso che se ne farà. Le sedie che uniscono comfort e design sono tantissime: ci sono quelle iperminimaliste con elementi meccanici invisibili, quelle tecnologiche che si adattano al peso della persona, quelle completamente personalizzabili o quelle piccole e imbottite, che arredano con ironia.

Ne abbiamo selezionate dieci di diverse tipologie, eccole nella gallery qui sotto.

Arper - Catifa Sensit, design by Lievore Altherr Molina. Una linea di sedute operative dal design asciutto ed elegante. Catifa Sensit è personalizzabile e in un'ampia gamma di combinazioni: lo schienale può essere scelto in tre diverse altezze, con o senza braccioli in alluminio oppure rivestiti, in versione sedia o poltrona lounge. Inoltre, è dotata di un meccanismo integrato che consente di inclinare lo schienale alleviando la pressione lombare.
B&B Italia - Sina, design by Uwe Fischer. Piccola ma dalla forte personalità. La poltroncina Sina di B&B Italia unisce silhouette morbide ed essenzialità in una seduta girevole dallo schienale basso. Il basamento è realizzato in alluminio spazzolato lucido, mentre la scocca esterna in un materiale termoplastico bianco. Può essere rivestita in tessuto o pelle.
Crassevig - Elba, design by Daniel Debiasi e Federico Sandri. Si sposa a un arredamento minimalista e raffinato questa seduta imbottita su trespolo con braccioli progettata dallo studio Something. Elba può essere scelta in versione sedia o poltroncina con base a quattro gambe in legno o metallo, trespolo in legno o alluminio, con ruote o senza. È personalizzabile in tutti i colori e tessuti del catalogo.
Fritz Hansen - Oxford™, design by Arne Jacobsen. Il brand Fritz Hansen riedita una leggenda del design da ufficio: la celebre sedia Oxford, progettata dall'architetto e designer danese Arne Jacobsen nel 1965 per i professori del St. Catherine College dell'Università di Oxford. Rispetto alla versione originale, lo schienale è più basso, per adattarsi alla dinamicità del mondo lavorativo contemporaneo. Oxford è stata pensata in due varianti: Classic, prodotta completamente in nero, e Premium. Quest'ultima ha un triplo strato di poliuretano espanso, che rende la seduta più confortevole. Può essere rivestita in tessuto o pelle e può essere scelta in un'ampia gamma di colori originali.
Quinti Sedute - Hyway, design by Orlandini Design. Comoda, ergonomica e dal design raffinato, ispirato alle sfaccettature del diamante: Hyway di Quinti sedute è la fusione perfetta tra una poltroncina moderna e una sedia da ufficio. Lo schienale realizzato in poliuretano schiumato a freddo garantisce sostegno alla schiena, mentre i braccioli sono progettati per offrire il massimo comfort. Ogni parte della sedia può essere rivestita in modo diverso per creare una seduta originalissima, progettata a seconda la propria creatività.
Tacchini – Doodle, design by Claesson Koivisto Rune. Si ispira ai doodle, i disegnini che facciamo quando siamo sovrappensiero, questa linea di sedie su trespolo con braccioli progettata dallo studio svedese Claesson Koivisto Rune per Tacchini. Gli accenti giocosi dei doodle si fondono all'essenzialità di queste sedute dallo spirito contemporaneo, disponibili in diversi basamenti, con o senza braccioli.
True Design – NOT, design by E-ggs. Imbottita, morbida, accogliente. La poltroncina girevole NOT di True Design è adatta ai momenti di lavoro come a quelli di relax, grazie alle imbottiture e alla scocca avvolgente. Le forme tondeggianti la rendono perfetta per sdrammatizzare gli ambienti più rigorosi.
Vitra – Pacific Chair, design by Edward Barber & Jay Osgerby. Al motto “full performance, quiet design”, i designer Edward Barber e Jay Osgerby hanno unito qualità ergonomiche e design understated per creare una sedia adatta a qualsiasi ambiente lavorativo, a casa come in ufficio. La Pacific Chair possiede un meccanismo che regola automaticamente la sedia in base al peso della persona, per un comfort personalizzato, mentre lo schienale può essere scelto in tre diverse altezze. Le parti meccaniche sono invisibili.
Ld Seating - Harmony Pure. Dedicata agli amanti del minimalismo più estremo: la gamma di sedie Harmony Pure si caratterizza per il design asciutto e leggero, che non fa sconti in fatto di ergonomia e funzionalità. È dotata di meccanismo reclinabile.
Tecno – Vela, design by Lievore Altherr Molina. Ha vinto il Compasso d'Oro nel 2016 ed è la soluzione ideale per combinare comodità e stile. La gamma di sedie Vela di Tecno ha un design semplice e raffinato, è disponibile in diverse combinazioni di tessuti e colori e in moltissime varianti, con struttura a razze, a slitta, cantilever e a quattro gambe in legno. Il meccanismo “responsive” permette di adeguare automaticamente la postura in base al peso dell’utilizzatore. La regolazione della seduta avviene grazie a un comando, integrato nella base dei sedili, comodo da raggiungere e poco visibile.
News
La mostra di Fornasetti a Roma
Storytelling
Era l’età di Cesare Leonardi
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano