Tizio, la lampada disegnata da Richard Sapper nel 1972 - Credits: Artemide
Storytelling

10 lampade che hanno fatto la storia del design

Hanno ispirato e innovato, ma soprattutto lasciato un segno entrando a far parte dell’immaginario collettivo.

Stiamo parlando delle lampade che hanno fatto la storia del design, elementi fondamentali nel contesto abitativo, in grado di trasformare radicalmente la percezione degli spazi grazie alle loro forme e alle sorgenti luminose.

Impermeabili al passare del tempo, alle mode e ai cambiamenti sociali, nascono dalla matita dei più importanti progettisti nel settore dell’illuminazione: Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Vico Magistretti, Gio Ponti, Gae Aulenti, Alberto Meda, Richard Sapper, Pio Manzu, Paolo Rizzatto e Ingo Maurer.

Ne abbiamo selezionate 10, vere e proprie icone del design. Da sfogliare nella galleria fotografica.

Atollo 233 – Progettata nel 1977 da Vico Magistretti per Oluce, Atollo 233 è una vera e propria icona dell’illuminazione made in Italy. Vincitrice del Compasso D'oro ADI nel 1979, con la sua struttura geometrica e scultorea, è entrata a far parte delle collezioni permanenti dei più importanti musei di design internazionali. - Credits: Oluce
Titania – Un’innovativa lampada a sospensione di forma sferica, che porta la firma di Alberto Meda e Paolo Rizzatto. Prodotta da Luceplan dal 1989, prevede una sequenza ordinata di centine in alluminio che svolge la funzione di schermo anabbagliante, riflettore della fonte luminosa e dissipatore di calore. Il set di filtri colorati intercambiabili determina le differenti gradazioni cromatiche della lampada senza interferire con l’emissione di luce bianca. - Credits: Luceplan
Tizio – Un grande classico di Artemide. Disegnata da Richard Sapper nel 1972, Tizio è una lampada da tavolo dal design contemporaneo a testa e bracci orientabili. Un progetto altamente innovativo che trova nella semplicità e nel rigore il suo punto di forza. - Credits: Artemide
Eclisse – Una lampada da tavolo, installabile anche a parete, firmata Vico Magistretti e prodotta da Artemide a partire dal 1967. Vincitore del Compasso d’Oro, è uno dei progetti più importanti nel panorama del design italiano e internazionale. Dalla Triennale al MoMA, Eclisse è stata esposta in numerosi musei di primo punto. - Credits: Artemide
Costanza – Il primo grande successo targato Luceplan. Costanza è una lampada disegnata dall’architetto e designer milanese Paolo Rizzato nel 1986. Il progetto, che quest’anno compie 30 anni, nasce dall’idea di reinterpretare le linee della classica lampada a paralume. - Credits: Luceplan
Bulb – Disegnata nel 1966 da Ingo Maurer, Bulb è una lampada da tavolo realizzata in metallo cromato lucido e cristallo soffiato a Murano. Dal design ironico e scanzonato, riprende le forme della classica lampadina a incandescenza. Dal 1969 fa parte della collezione permanente di design enel MoMA di New York. - Credits: Ingo Maurer
Arco – Disegnata da Achille e Pier Giacomo Castglioni e prodotta da Flos a partire dal 1962, Arco è uno dei pezzi più iconici del design italiano. È costituita da un diffusore orientabile in metallo cromato, un arco in acciaio regolabile e una base in marmo di Carrara che presenta un foto per agevolarne lo spostamento. - Credits: Flos
Parentesi - Una lampada a sospensione progettata da Achille Castiglioni e Pio Manzù e prodotta da Flos dal 1971. Vincitrice del Compasso d’Oro nel 1979, Parentesi presenta una struttura minimale ed equilibrata. È costituita da un cavo metallico, su cui scorre la fonte luminosa, da agganciare al soffitto e mantenuto in tensione da una base di forma cilindrica che svolge la funzione di contrappeso. - Credits: Flos
Pipistrello – Disegnata nel 1965 da Gae Aulenti per Martinelli Luce, Pipistrello è una lampada da tavolo o da terra a luce diffusa, regolabile in altezza con movimento telescopico. Proprio come suggerisce il nome, la base conica si sviluppa verso l’alto, aprendosi nelle nervature del diffusore a mo’ di ali di un pipistrello. - Credits: Martinelli Luce
0024 Progettata da Gio Ponti e prodotta da FontanaArte nel 1933, 0024 è una lampada, disponibile nelle varianti da terra e sospensione, di estrema eleganza composta da una sequenza di dischi orizzontali in vetro temperato. - Credits: FontanaArte
Storytelling
Sabine Marcelis: un’alchimista alla scoperta dei segreti dei materiali
Storytelling
Alberto Casiraghy: artigiano, poeta, scenografo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Carl Hansen a Stoccolma


Carl Hansen a Stoccolma


Ecco il nuovo spazio espositivo dell’azienda danese, progettato dall’architetto Vasco Trigueiros nel quartiere di Östermalm
space&interiors e il futuro dell’abitare

space&interiors e il futuro dell’abitare

Al The Mall di Milano una mostra evento per conoscere il futuro dei materiali, dei prodotti e dei nuovi modi di abitare le nostre case e le nostre città
La chiesa progettata da Álvaro Siza a Saint-Jacques-de-la-Lande, in Francia

La chiesa progettata da Álvaro Siza a Saint-Jacques-de-la-Lande, in Francia

L’architetto portoghese Premio Pritzker nel 1992 ha realizzato un’architettura che si inserisce nel contento urbano della cittadina francese
Lo speaker firmato Nendo


Lo speaker firmato Nendo


Lo studio guidato da Oki Sato ha realizzato un diffusore in legno di faggio e materiale plastico sintetico per l'azienda giapponese Bunaco
Gentle Monster, quando l

Gentle Monster, quando l'eyewear incontra l'arte

I suoi flagship store sono come gallerie d'arte contemporanea. Ecco il brand coreano che sta conquistando il mondo a suon di installazioni immersive