Credits: Illustrazione: Shut Up Claudia
Embassy of Water - NASA
Change the world
Piet Hein Eek
The 3D Bar by Caracol Studio
Antenna 2019
Design Marathon

La Design Marathon di Eindhoven

Ogni mese andiamo a curiosare tra le design week di tutto il mondo per scoprire mostre, eventi e designer più o meno conosciuti. Ecco cinque tappe da non mancare se siete di passaggio alla Dutch Design Week.

Change the World
Il 21, 22 e 23 ottobre, 2.000 creativi da tutto il mondo si riuniscono al Creativity World Forum, congresso internazionale sull'innovazione e il cambiamento sociale. Al motto Change the inevitable, si alternano sul palco pensatori, startupper, imprenditori, architetti e designer per parlare di come la creatività possa migliorare il mondo.

Idee libere
Cosa può fare il design per le problematiche sociali più urgenti? Prova a rispondere in modo analitico il World Design Embassies, progetto multidisciplinare che in varie location della città porta mostre, presentazioni e dibattiti su diverse tematiche organizzate in sei delegazioni: sicurezza, bioedilizia, progettazione sostenibile, salute, mobilità e acqua.

Antenna 2019
“Niente progetti superficiali né grandi nomi”: sono questi i presupposti di Antenna, conferenza dedicata ai nuovi talenti del design che il 21 ottobre ha come protagonisti i 20 migliori laureati in design del mondo selezionati in collaborazione con Design Indaba. Sono loro a rivelare le traiettorie del design contemporaneo raccontando visioni sul futuro e progetti avveniristici.

Da Milano
Isola Design District vola in Olanda: il distretto milanese è alla Dutch Design Week con la mostra Unlimited Design – Dutch Edition, che presenta una selezione di talenti emergenti internazionali. L'appuntamento è alla Pennings Foundation, un open space di 700 metri quadrati che ospita anche talk, eventi di networking e il pop up store di Milan Design Market.

Piet Hein Eek
La factory del designer Piet Hein Eek è uno degli indirizzi di riferimento della creatività olandese. Durante la Dutch Design Week ospita la mostra dedicata ai nuovi talenti Young Designer and Small Studio, oltre a un evento decisamente originale: una cena firmata dallo chef stellato Sergio Herman all'interno di una scenografia realizzata con mobili abbandonati.