Uno scorcio della città di Madrid, dall’1 al 29 febbraio sotto i riflettori del design.
La mostra Nature Morte Vivante, in scena al Fernán Gómez Centro Cultural de la Villa, propone excursus sul lavoro di Patricia Urquiola. Nella foto, la poltrona 570 Gender progettata dalla designer di Oviedo per Cassina, collezione I Contemporanei.
Design Marathon

Madrid Design Festival

Dall’1 al 29 febbraio prende il via l’appuntamento spagnolo che unisce le più disparate discipline creative, dal design all’architettura, dall’interior alla grafica passando per la comunicazione.

Stiamo parlando di Madrid Design Festival, alla sua terza edizione intitolata Redesign the World, con oltre 250 attività, 66 mostre, 12 installazioni e la partecipazione di 400 protagonisti del mondo del design. Organizzato dall’associazione La Fábrica, il festival è guidato da Álvaro Matías con il supporto di un comitato consultivo composto da Deyan Sudjic, Juli Capella, Marisa Santmaría, Ippolito Pestellini Laparelli e Pilar Marcos. Quest’anno le sedi si moltiplicano, e tra le altre si aggiungono CaixaForum, ICO Museum, Tabacalera, El Instante Fundación e il Palacio de Santa Bárbara.

Madrid-Torino è il gemellaggio speciale dell’edizione 2020, un omaggio alla città italiana insignita nel 2014 dall’UNESCO del titolo di Creative City per il Design. Altra partnership di rilievo è quella tra Madrid Design Festival e Barcelona Design Week: le due kermesse uniscono le forze con l’obiettivo di intavolare un dibattito sulle sfide che entrambe le città dovranno affrontare in un futuro sempre più imminente.

Tra gli appuntamenti da non perdere, la mostra Nature Morte Vivante, a cura di Ana Domínguez Siemens e in programma al Fernán Gómez Centro Cultural de la Villa, mette in scena un approfondimento dedicato alla produzione firmata Patricia Urquiola. Mentre l’esposizione I Work! Because that’s what I’m like, organizzata da Moisés Pérez de Albéniz, racconta attraverso una selezione di 100 oggetti come il design abbia contribuito a migliorare il nostro quotidiano.

Inoltre, per la sezione OFF, porte aperte per gallerie, showroom, studi di architettura e interior design, ristoranti e pop-up store. Non mancano poi i momenti di confronto rivolti a tutti: dal 12 al 15 febbraio MadridDesignPRO ospita negli spazi di COAM un ciclo di conferenze, masterclass e workshop con oltre 60 professionisti di settore. Tra gli altri Giorgetto Giugiaro, Bruno Monguzzi, Mario Ruiz, Pepe García, Francesca Zampollo, Willie Williams, Oscar Guayabero, Elvis Wesley, Juli Capella e Max Oliva.