Kin & Company - Thin stools y2018 - Credits: Foto: James Clark
Fiffioux & f Fillioux
Laura Gonzalez - 86 Champs - Credits: Foto: © Matthieu Salvaing
Laura Gonzalez - Credits: Foto: @ Ambroise Tezenas
Alex Brokamp - Handle With Care Table - Credits: Copyright Christopher Stoltz
Bailey Fontaine - Plane Dining Table - Credits: Copyright Cary Whittier
Green River Project - Rail Car Laminate Loveseat w Green Vinyl, 2018 - Credits: copyright Andrew Jacob
Harold - Credits: Copyright Joel Seigle
Rosie Li - Inez 2018 Collection - Credits: All Copyright Black & Steil
Design Marathon

Maison&Objet: le anticipazioni della prossima edizione

Intercettare le direzioni del presente, dando voce agli interpreti del cambiamento per raccontare, attraverso il design, il mondo di oggi. È quello che fa dal 1995 la fiera parigina Maison&Objet e che continua a fare anche oggi con un'edizione dedicata alle trasformazioni degli spazi lavorativi. Sempre più digitalizzato, il lavoro diventa mobile, nomade. E il design risponde con proposte altrettanto fluide e multifunzionali.

Al motto Let's Work Together, Maison&Objet svela così WORK!, il tema dell'edizione autunnale - in scena dal 6 al 10 settembre a Parigi Nord Villepinte - che si concretizzerà in uno spazio-laboratorio dedicato alle soluzioni di design dedicate ai nuovi spazi lavorativi. Selezionate dalla giornalista e curatrice Chantal Hamaide, le opere dei designer saranno esposte nello spazio WHAT’S NEW? WORK! disegnato dall'architetto Philippe Boisselier.

Ad accompagnarle sarà poi lo spazio di Wellworking progettato da Kwerk per stimolare la collaborazione e la concentrazione negli ambienti lavorativi e per offrire spazi di svago dedicati allo yoga o alla meditazione. Inoltre, all'ingresso del Padiglione 6 sarà presente l'installazione dell'artista e designer Alexis Tricoire, che vuole mettere in luce l'impatto positivo delle piante nel contesto lavorativo.

Ma non sarà solo il mondo del lavoro a essere protagonista della fiera, che ogni anno raccoglie più di 3.000 marchi da tutto il mondo. Perché ad avere un ruolo centrale saranno anche i settori dell'hotellerie e della ristorazione, rappresentati idealmente da Laura Gonzalez, scelta come Designer of the Year di questa edizione, progettista che ha firmato l’allestimento numerosi hotel e ristoranti di successo come il Relais Christine, l’86 Champs, Manko, Noto e Lapérouse. “Ho bisogno che i luoghi abbiano un'anima”, dice. E i suoi ambienti sono colmi di colore, fantasia e movimento.

Lo spazio What's New? accoglierà poi due esposizioni concepite per analizzare i trend nel settore della ristorazione e dell’hotellerie: Share, in cui François Delclaux seleziona le novità dedicate alla tavola mettendole in scena nella loro espressione più contemporanea; e Care, dove Elizabeth Leriche si dedica ad esplorare nuovi modi di ricevere.

Dulcis in fundo, i vincitori dei Rising Talents Awards, concorso che ogni edizione premia i designer più promettenti di un determinato Paese e che quest'anno è dedicato agli Stati Uniti. A essere selezionati da una giuria di esperti sono Alex Brokamp, Bailey Fontaine, Green River Project, Harold, Kin & Company e Rosie Li. Le loro opere verranno presentate negli spazi fieristici offrendo spunti di riflessione sulla creatività made in USA.

Ad accompagnare la fiera sarà, come ogni anno, il caleidoscopio di eventi della Paris Design Week, in scena dal 5 al 14 settembre in vari quartieri di Parigi.