Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Credits: © Stefano Boeri Architetti
Speciale Milano

Milano, Bosco Verticale

A tre anni dall’inaugurazione, avvenuta il 13 ottobre 2014, il Bosco Verticale progettato da Boeri Studio (Stefano Boeri, Gianandrea Barreca, Giovanni La Varra) - con la consulenza delle agronome Laura Gatti e Emanuela Borio e il contributo sul fronte dell’ingegneria strutturale di Arup Italy -, ha definitivamente oltrepassato la definizione di “nuovo landmark della città di Milano”. Del resto, già poche settimane dopo la sua ultimazione il complesso avevano ottenuto la prima consacrazione a livello globale, aggiudicandosi l’International Highrise Award e divenendo così “il grattacielo più bello del mondo”.

Il riconoscimento, promosso della città di Francoforte e da una serie di istituzioni tedesche, aveva premiato la capacità del Bosco Verticale di farsi portatore di “un’idea radicale e coraggiosa per le città di domani”, proponendosi come “un modello per lo sviluppo di aree ad alta densità di popolazione in altri paesi europei”. Con la costruzione delle due torri residenziali, rispettivamente alte 76 e 110 metri, nell’area Porta Nuova Isola, Milano è dunque divenuta capofila di un processo di portata internazionale, per effetto del quale anche altre città si doteranno di edifici analoghi nei prossimi anni: da Losanna a Utrecht; da Parigi a Nanchino fino a Liuzhou, in Cina, dove la municipalità locale ha commissionato allo studio Stefano Boeri Architetti la prima Città Foresta del mondo.

Come noto, la caratteristica saliente del Bosco Verticale milanese è compresenza tra il verde e la struttura architettonica: la quantità di alberi predisposta occuperebbe una superficie di 20.000 mq se venisse piantumata direttamente a terra. In particolare, secondo i dati ufficiali forniti da Stefano Boeri Architetti, sono 800 gli alberi ospitati – con altezze di 3, 6 o 9 metri –, mentre si attesta su quota 15.000 il numero delle piante predisposte; ampia anche la gamma di arbusti e specie floreali presenti, distribuiti secondo l’orientamento delle facciate. In questo modo, il Bosco Verticale “ogni anno produce 19 tonnellate di ossigeno”, contribuendo alle esigenze della città. Nel maggio 2015, il complesso ha ottenuto la certificazione di sostenibilità LEED Gold, promossa dal US Green Building Council, un’attestazione che ne riconosce le prestazioni sostenibili in ambiti quali il risparmio energetico e idrico, la riduzione delle emissioni di CO2, il miglioramento della qualità ecologica degli interni, i materiali e le risorse impiegati.

Products
Regali di Natale: 15 (e più) idee di design
Speciale Milano
Milano, Fondazione Feltrinelli Porta Volta
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”