Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Fondazione Prada, nuova sede di Milano, progetto architettonico di OMA - Credits: Ph. Bas Princen, 2015 -Courtesy Fondazione Prada
Speciale Milano

Milano, Fondazione Prada

Da due anni e mezzo il quadrante sud di Milano accoglie un soggetto che, fin dalle prime battute, si è conquistato un ruolo da protagonista nel panorama culturale della città.

Aperta al pubblico il 9 maggio 2015, la nuova sede della Fondazione Prada a Milano è il primo progetto ultimato in Italia dallo studio OMA – Office for Metropolitan Architecture, fondato dall’architetto olandese Rem Koolhaas nel 1975.

Come nell’operazione che, più di recente, ha portato alla rinascita del dismesso Fondaco dei Tedeschi a Venezia, anche a Largo Isacco OMA si è misurato con edifici preesistenti, ai quali sono stati in questo caso integrate tre nuove costruzioni. Ai volumi dell’originaria distilleria risalente ai primi del Novecento, si sono infatti aggiunte il Podium, votato alla funzione espositiva, il Cinema e la Torre. Complessivamente è così stata concepita «una collezione di spazi architettonici originale quanto la sua proposta artistica», come ha precisato il progettista, insignito del Pritzker Prize nel 2000.

Attiva da un ventennio in ambito culturale, la Fondazione Prada ha promosso la realizzazione di una propria sede permanente a Milano, come spiega sul suo sito, allo scopo di «offrire nuove opportunità di ampliare e approfondire i nostri modi di imparare». L’intervento di OMA ha recepito la mission dell’istituzione con spazi capaci di «espandere la portata dei saperi», nell’ottica di una «coesistenza delle discipline» e generando «risonanze e intersezioni culturali imprevedibili».

A definire con precisioni i contorni dell’intervento è stato lo stesso Rem Koolhaas, sottolineando come il progetto «non è un’opera di conservazione e nemmeno l’ideazione di una nuova architettura. Queste due dimensioni coesistono, pur rimanendo distinte, e si confrontano reciprocamente in un processo di continua interazione, quasi fossero frammenti destinati a non formare mai un’immagine unica e definita, in cui un elemento prevale sugli altri». Fondazione Prada dispone di una superficie complessiva pari a 19mila metri quadri, di cui 11mila con funzione espositiva; all’interno le «numerose variabili spaziali» non limitano il potenziale della programmazione culturale, ma si aprono alle inimmaginabili evoluzioni verso cui continuerà a tendere la produzione artistica.

Tra gli aspetti salienti dell’esperienza di attraversamento e conoscenza dello spazio rientrano i frequenti contrasti: vecchio e nuovo, orizzontale e verticale, ampio e stretto, bianco e nero, aperto e chiuso stabiliscono la varietà di opposizioni che descrive la natura della nuova Fondazione. Uno dei luoghi più amati – e fotografati – dell’intero complesso è il Bar Luce: ideato dal regista statunitense Wes Anderson, riconnette la Fondazione con le atmosfere milanesi di un tempo e con la sua identità, anche attraverso soluzioni come la riproduzione, seriale e in mini formato, della copertura in vetro della Galleria Vittorio Emanuele, inossidabile icona architettonica di Milano.

Products
Curare la dipendenza da smartphone, con uno smartphone finto
Products
Cioccolatini di design stampati in 3D
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi