Gionata Smerghetto
Icon Design Talks

Iconizer #1: Gionata Smerghetto, quando la passione diventa un lavoro

Gionata Smerghetto, in arte @gionata_s, è nato e cresciuto nel litorale di Venezia. Ventott’anni, è un ragazzo che vive le emozioni come fonte vitale di positività e ricchezza, un tratto che traspare anche dal suo feed Instagram. Ama viaggiare e scoprire l’autenticità dei luoghi, assaporarne le tradizioni, i colori, i profumi. E raccontarli con la fotografia.

La sua avventura con Instagram inizia due anni fa quando decide di dedicarsi, in maniera più strutturata, a quelle che sono le sue più grandi passioni: la fotografia e i social network.

Quello che inizia come una semplice condivisione di scatti diventa poi una “mission” vera e propria: oggi Gionata si occupa di Smart Photography e Social Media e collabora con importanti brand di diversi settori. Da un paio di mesi ha lasciato il lavoro in banca e ha fondato con altri instagrammer, fra cui Davide Pretto, Garage Raw, un collettivo che produce contenuti creativi, dinamici e di qualità per aiutare le aziende a collocarsi nel mercato dei social media.

Chi è nella vita Gionata Smerghetto? E su Instagram?

Gionata era un dipendente di banca che, dopo anni senza grandi ispirazioni, ha trovato nella sua strada una grande passione: Instagram e la fotografia digitale. Su Instagram pubblico le foto dei miei viaggi, con l’obiettivo però di trasmettere il più possibile agli utenti il vero “vissuto” delle mie esperienze. Amo quando qualcuno mi dice: “Mi sono immedesimato nella tua vacanza, è come se fossi stato lì con te”.

Cosa raccontano le tue foto?

La mia vita e le mie emozioni in viaggio, con particolare focus su come vivo le esperienze e cosa mi colpisce più nel profondo. Amo raccontare le mie esperienze non soltanto con la fotografia, ma anche con le parole e le sensazioni più pure.

Come nasce un’idea creativa? Da dove trai ispirazione?

Un’idea creativa nasce dall’osservare qualcosa con l’idea di rappresentarlo secondo un nuovo punto di vista. Qualcosa di originale, inedito, molto personale e in grado di fare la differenza. Come il racconto che cerco di trasmettere con il mio storytelling. Le ispirazioni nascono dalla continua ricerca, dall’innovazione della propria immagine e di quello che si vuole rappresentare. Credo che non ci sia nulla di “nuovo” nel nostro mondo. Tutto va solo “rivisto” secondo un punto di vista il più personale possibile.

In Instagram è tutto una questione d’immagine? E il testo?

Instagram è sicuramente basato sull’immagine e sulla qualità della fotografia: dev’essere impattante e semplicemente in grado di colpire l’occhio di chi scorre un qualsiasi social. Il testo, per me, è una risorsa fondamentale. Quello che ho imparato in questi anni è la capacità di comunicare a 360 gradi, ma soprattutto con le parole. Sono quelle che emozionano e rimangono nel cuore. Io amo scrivere e cerco di trasmettere anche questo alle persone che mi seguono.

Che rapporto hai con i tuoi follower? L’interazione più divertente?

Cerco di curare molto la relazione con i miei follower, nonostante questo implichi l’investimento di molto tempo. Ma da lì arrivano le soddisfazioni migliori. L’interazione più interessante e divertente è recentissima: il viaggio in Lapponia. Credo di aver vissuto un’esperienza indimenticabile e di essere riuscito a trasmetterne l’originalità. Ho ricevuto un sacco di apprezzamenti e di vorrei essere lì con te”.

Products
Pezzi da collezione
Products
La casa intelligente secondo Edison
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto