Icon Design Talks

Icon Design Talks 2018: giorno 1

La seconda edizione degli Icon Design Talks è stata inaugurata presso la Sala Excelsior di Palazzo del Cinema Anteo con lo Special Event dal titolo Constructed Narratives. Protagonista l’architetto ghanese naturalizzato britannico Sir David Adjaye, che nel corso dell’intervento ci ha condotto alla scoperta del museo nazionale di storia e cultura afro-americana di Washington DC.

Nel pomeriggio, sempre negli spazi del Cinema Anteo, si è tenuta la Lectio Magistralis con l’architetto Guido Canali, che ha ripercorso i progetti del suo studio seguendo un ordine tematico. Dal Palazzo della Pilotta a Parma al centro espositivo Gyeonggi a Seoul, passando per il più recente quartiere nel Portello a Milano.

Nella galleria fotografica qui in basso trovate una selezione di immagini dei talk e della festa di inaugurazione, che anche quest’anno si è svolta presso la Microsoft House di viale Pasubio 21, con il dj-set di Alioscia Bisceglia e Peter Adjaye. In apertura, invece, un breve video di riepilogo della giornata.

Gli ospiti dello Special Eventi ospitato a Palazzo del Cinema Anteo - Credits: Ph. Silvia Morara
L'architetto Sir David Adjaye sfoglia il nuovo numero di Icon Design - Credits: Ph. Silvia Morara
A sinistra, il direttore Michele Lupi, a destra, l'architetto Sir David Adjaye - Credits: Ph. Silvia Morara
Il direttore Michele Lupi - Credits: Ph. Silvia Morara
L'architetto Sir David Adjaye - Credits: Ph. Silvia Morara
L'architetto Sir David Adjaye presenta lo Special Event "Constructed Narratives" - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti dello Special Event "Constructed Narratives" - Credits: Ph. Silvia Morara
L'architetto Guido Canali - Credits: Ph. Silvia Morara
La Lection Magistralis dell'architetto Guido Canali - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti della Lectio Magistralis con Guido Canali - Credits: Ph. Silvia Morara
L'architetto Guido Canali - Credits: Ph. Silvia Morara
Da sinistra, il direttore Michele Lupi, l'architetto Guido Canali e l'architetto e grafico Italo Lupi - Credits: Ph. Silvia Morara
Il dj-set di Peter Adjaye - Credits: Ph. Silvia Morara
I cocktail firmati Prime Uve, partner della serata - Credits: Ph. Silvia Morara
Il dj-set di Alioscia Bisceglia - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti del party di Icon Design, ospitato presso la Microsoft House - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli stuzzichini a cura di Berkel, partner della serata - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli invitati al party - Credits: Ph. Silvia Morara
Milano Design Week
LightHenge, l'installazione di Edison firmata da Stefano Boeri Architetti
Milano Design Week
Citroën insieme a Bertone Design Interior per #Cactus4Comfort
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”