Icon Design Talks

Icon Design Talks 2018: giorno 5

Sabato 21 aprile si è conclusa l’edizione 2018 degli Icon Design Talks, il secondo appuntamento di Icon Design con i protagonisti del progetto.

La giornata si è aperta con un quesito: la grafica italiana gode di ottima salute? A rispondere tre tra i più autorevoli protagonisti del settore, Mauro Bubbico, graphic designer, Leonardo Sonnoli, graphic designer, Italo Lupi, architetto, orchestrati da Francesco Dondina, graphic designer.

Durante l’incontro Spreading the word: design and architecture on the web, Birgit Lohmann, fondatore e caporedattore di designboom, Nina Azzarello, director di designboom NY, e Michele Lupi, direttore di Icon Design, hanno affrontato il tema dell’editoria digitale, tra sfide, numeri e momenti di confronto con lettori e progettisti.

Alle 12.30 si è tenuto negli spazi del Cinema Anteo lo Special Event Curating and the City con l’architetto Stefano Boeri e il curatore Hans Ulrich Obrist. Una lunga chiacchierata incentrata sulla questione della curatela applicata alle diverse discipline creative. Per concludere questa seconda edizione, dopo un confronto sul tema delle nuove forme dell’entertainment, abbiamo brindato negli spazi della Microsoft House in compagnia di Alioscia Bisceglia, musicista, Giovanni Fiorin, imprenditore, e il direttore Michele Lupi.

Ecco il racconto della giornata conclusiva. Grazie a tutti per aver partecipato.

Gli ospiti dell'incontro "La grafica italiana gode di ottima salute" - Credits: Ph. Silvia Morara
Mauro Bubbico, graphic designer - Credits: Ph. Silvia Morara
Leonardo Sonnoli, graphic designer - Credits: Ph. Silvia Morara
Italo Lupi, architetto - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti degli Icon Design Talks - Credits: Ph. Silvia Morara
A sinistra, Francesco Dondina, graphic designer; a destra, Mauro Bubbico, graphic designer - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti degli Icon Design Talks - Credits: Ph. Silvia Morara
I relatori del talk "Spreading the word: design and architecture on the web" - Credits: Ph. Silvia Morara
A sinistra, Birgit Lohmann, Fondatore e Caporedattore designboom, Milano; a destra, Nina Azzarello, Director designboom NY - Credits: Ph. Silvia Morara
Hans Ulrich Obrist, curatore - Credits: Ph. Silvia Morara
Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti dello Special Event "Curating and the City: a dialogue between Hans Ulrich Obrist & Stefano Boeri" - Credits: Ph. Silvia Morara
Stefano Boeri, architetto - Credits: Ph. Silvia Morara
Hans Ulrich Obrist, curatore - Credits: Ph. Silvia Morara
I relatori del talk "Nuove forme dell’entertainment" - Credits: Ph. Silvia Morara
A sinistra, Michele Lupi, direttore Icon Design; a destra, Giovanni Fiorin, imprenditore - Credits: Ph. Silvia Morara
Icon Design Talks
Icon Design Talks 2018: giorno 4
Products
Il design del comfort: i divani del Salone del Mobile
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata