Michael Gardenia
Icon Design Talks

Iconizer #3: Michael Gardenia, fotografo e appassionato di food

Michael Gardenia è nato e cresciuto in Piemonte nella zona dei laghi, ma ora vive a Milano.

Si è avvicinato alla fotografia sin da piccolo, ma ha iniziato a sperimentare quest’arte alla fine del liceo. Dopo aver scattato in molti contesti alla fine ha deciso di aprire uno studio, Fusillo Lab, dove crea i propri progetti, lavora per brand italiani e internazionali e, soprattutto, ospita amici e creativi.

Il nome che ha dato al suo laboratorio creativo parla di un altro dei suoi grandi amori, il food. A Fusillo Lab ci sono grandi finestre luminose, una cucina e un grande tavolo di legno dove mangiare tutti insieme. Michael adora cucinare mentre ascolta musica e fotografare i piatti che cucina.

Sul suo feed Instagram, @lammaigal, condivide le sue avventure culinarie e i suoi viaggi durante i quali, se può, cerca di incontrare le persone che segue e che sono grande fonte di ispirazione per lui e per le sue immagini.

Raccontaci Michael Gardenia. Chi è e quali sono le sue passioni?

Sono un fotografo e, come tutti i fotografi, guardo con curiosità e ispirazione ogni cosa. Ricerco sempre un qualcosa di più che una fotografia possa raccontare: la storia dietro a una persona, a un piatto o a un paesaggio. Così, cerco di comunicare quello che mi ispira. Questa è la mia passione.

Come scegli cosa condividere?

Prima di tutto mi chiedo se effettivamente un contenuto abbia qualcosa da dire e interessare, dopodiché cerco di capire se sia il momento giusto per farlo, se abbia più rilevanza rispetto ad altri e, soprattutto, se sia in linea con quello che condivido solitamente.

Qual è l’ingrediente segreto delle tue foto? E della tua cucina?

Forse la geometria. Mi piacciono le simmetrie, le linee e le figure semplici. Ma allo stesso tempo mi piacciono anche le cose grezze e che sembrano disordinate, anche se in realtà non lo sono. Penso sia curioso e stimolante cercare di mischiare tra di loro molte cose, ottenendo un risultato di buon gusto.

C’è più lavoro dietro a uno scatto o dietro a un piatto?

Penso che come ogni prodotto artistico o creativo, ci sia un immenso lavoro dietro ad entrambi. È necessario un enorme background sia per scattare una fotografia, che per cucinare un piatto, specialmente se si vuole creare qualcosa di semplice, ma allo stesso tempo autentico. Oltre a contestualizzare e a raccontare nel migliore dei modi, bisogna saper valorizzare ogni "ricetta".

Un locale a Milano dove portare a cena qualcuno di speciale?

Ci sono un sacco di posti che adoro a Milano e di sicuro molti li devo ancora scoprire. Per qualcosa di tradizionale e intimo andrei da U Barba, osteria genovese: adoro il lungo e stretto tavolo in veranda con gli sgabelli, anche in inverno. Per qualcosa di più cool andrei da The Botanical Garden in Isola.

Icon Design Talks
Iconizer #2: Davide Pretto, esploratore tra architettura, design e fotografia
Milano Design Week
La nuova Smart Home di Samsung al Fuorisalone
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Uno spazio espositivo di oltre 400 metri quadrati che va a sommarsi alle aperture di Parigi e Le Cannet
Le radici e le ali di Antonio Aricò

Le radici e le ali di Antonio Aricò

Durante la Design Week, il designer calabrese presenterà un documentario sul legame tra le sue opere e la sua terra d'origine, in una riflessione a più voci sulla contemporaneità dell'artigianato
Icon Design Talks 2019: il programma

Icon Design Talks 2019: il programma

La terza edizione del più grande appuntamento culturale della Milano Design Week. In onda dall’8 al 13 aprile presso la Fondazione Riccardo Catella
Palazzo Monti: residenza d

Palazzo Monti: residenza d'artista

Nel cuore di Brescia un'antica dimora di famiglia, risalente al XIX secolo, trasformata in residenza per artisti da tutto il mondo
Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

In occasione di MADE Expo, alla Triennale di Milano è andato in scena un talk che ha riunito sette protagonisti del settore edile per parlare delle nuove sfide che percorrono il campo della costruzione