Nora, la collezione di poltrone messa a punto da Michael Schmidt - Credits: Bross
Milano Design Week

Bross, la collezione firmata Giulio Iacchetti e Michael Schmidt

Alessandro Mitola

La nuova collezione Bross, presentata in occasione dell’edizione appena conclusa del Salone del Mobile, vede la collaborazione di Giulio Iacchetti e Michael Schmidt.

L’azienda friulana fondata nel 1981, meglio conosciuta per il suo approccio tailor made, punta su dettagli di alta qualità artigianale senza dimenticare la versatilità funzionale.

In questo senso Bross mette in scena un design dinamico, attento alle nuove modalità imposte dall’abitare contemporaneo. E lo fa con una serie di arredi spiccatamente moderni, destinati agli spazi residenziali e agli ambienti contract.

Da questi presupposti nascono le famiglie Amalong e Nora, accanto al tavolino Mika e alla sedia Gisa.

Amalong è l’esempio più rappresentativo. Nata da un’idea di Giulio Iacchetti, la linea è pensata per rispondere al tema della variazione di dimensione. Si tratta infatti di una famiglia di tavoli dal design lineare, caratterizzata da una struttura in legno, che disegna una cornice minimale nascondendo le due allunghe estraibili dai lati corti.

La collezione di poltrone Nora, messa a punto da Michael Schmidt, si compone di sedute avvolgenti nel segno del comfort. La struttura è realizzata in legno massello di frassino naturale o tinto e con rivestimento in tessuto o pelle. Tratti distintivi sono la particolare inclinazione del bracciolo e la scocca, impreziosita da cuciture che ne scandiscono le parti: seduta, schienale e braccioli.

Il tavolino Mika di Michael Schmidt è segnato da due sottili piani, che costituiscono rispettivamente la base e il top. Orientati in modo perpendicolare tra loro, permettono di accostare il tavolo a una poltrona, un divano o di impiegarlo come piano d’appoggio.

Alla collezione si aggiunge anche Gisa, una sedia disegnata da Giulio Iacchetti caratterizzata da un’estetica nordeuropea e riferimenti agli anni Cinquanta. La struttura, in massello di frassino, disponibile con finitura naturale o tinta, sottolinea l’attenzione dell’azienda nella selezione dei materiali e nell’elaborazione sartoriale. Dal punto di vista formale, lo schienale è dotato di una sottile imbottitura con rivestimento nelle varianti pelle o tessuto, che determina l’estrema duttilità della seduta.

Amalong, la famiglia di tavolini firmata Giulio Iacchetti - Credits: Bross
Amalong, la famiglia di tavolini firmata Giulio Iacchetti - Credits: Bross
Nora, la collezione di poltrone messa a punto da Michael Schmidt - Credits: Bross
Il tavolino Mika disegnato da Michael Schmidt - Credits: Bross
Gisa, la sedia disegnata da Giulio Iacchetti, ispirata al linguaggio nordeuropeo - Credits: Bross
News
Raw Edges e David Rockwell sul nuovo numero di Icon Design
News
Il Bauhaus attraverso la lente di Lucia Moholy
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto