Solveig, una scultura di Sebastian Jansson formata da una cornice in rovere massello, vetro colorato, acrilico iridescente e luce diurna naturale - Credits: Beacon Helsinki
Milano Design Week

Il design finlandese approda a Milano

Alessandro Mitola

Per tutti gli appassionati di design finlandese, a Milano, nell’ambito di Brera Design Week, la rassegna Wild, weird, wonderful presenta alcuni tra i più interessanti designer contemporanei del panorama nordeuropeo.

Wild, weird, wonderful si concentra sullo stile di vita tipicamente finlandese e sul profondo rapporto con la natura, mostrando il meglio della creatività nordico con un approccio consapevole al design dei giorni nostri.

Si spazia dai pezzi unici ai prodotti in serie, attraverso una selezione di complementi d’arredo e oggettistica progettati da Mika Ihanus, Mari Isopahkala, Sebastian Jansson, Antti Kotilainen, Mikko Laakkonen, Jouni Leino, Mottowasabi, Jesse Pietilä e Samuli Naamanka.

La curatela della mostra è affidata ad Aalto+Aalto, studio di design con base a Helsinki formato da Elina Aalto e Klaus Aalto. Il duo si occupa di prodotto, ambienti ed esposizioni, con l’obiettivo di creare oggetti dotati di forte identità, in grado di resistere al passare del tempo.

«La natura finlandese funge da sfondo agli oggetti in esposizione, mettendoli in relazione tra loro in modo naturale» spiegano Elina e Klaus Aalto.

Wild, weird, wonderful è promossa da Beacon Helsinki e sarà visibile per tutta la durata della settimana milanese dedicata al design negli spazi di via Maroncelli al numero 12.

Wooden chair, la sedia disegnata dallo studio Antti Kotilainen - Credits: Beacon Helsinki
Malt, il bicchiere in vetro disegnato Studio Mikko Laakkonen
Li’l Good Wolf, lo sgabello disegnato da Mika Ihanus - Credits: Beacon Helsinki
Li’l Good Wolf, lo sgabello disegnato da Mika Ihanus - Credits: Beacon Helsinki
A sinistra, Taitu, la sedia impilabile realizzata interamente in multistrato, disegnata da Jesse Pietilä. A destra, La Table, il complemento multifunzionale disegnato da Jouni Leino. Può fungere da è tavolo, sgabello, panca, sedia, scrivania o sgabello da bar - Credits: Beacon Helsinki
Concrete, la lampada da tavolo disegnata da Samuli Naamanka per Innolux - Credits: Beacon Helsinki
Tuhti, il mortaio dalle forme morbide disegnato da Mari Isopahkala - Credits: Beacon Helsinki
Nojaa, la famiglia di lampade disegnata da Mari Isopahkala - Credits: Beacon Helsinki
Twist, il set composto da piatto per sushi, salsa di soia, wasabi e bicchiere disegnato da Mika Ihanus - Credits: Beacon Helsinki
Mareel è una collezione di lampade scultoree in vetro disegnata da Studio Mikko Laakkonen - Credits: Beacon Helsinki
Milano Design Week
Porta Venezia in Design 2016, gli eventi da segnare in agenda
Products
La rinascita dell'artigianato italiano con Eligo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi