Tacchini - Sella - Credits: Foto: Andrea Ferrari
Milano Design Week

Divani: le novità presentate al Salone del Mobile 2019

Cambia il modo di vivere la zona living, sempre più multifunzionale e aperta, inclusiva. E di conseguenza, cambiano i divani. Quelli presentati al Salone del Mobile 2019 seguono la tendenza che li vuole modulari, versatili e componibili, in linea con le trasformazioni dell'abitare contemporaneo.

La struttura di base si arricchisce di componenti aggiuntive con cui modellare l'assetto del divano: da conversazione, da relax o perché no, da lavoro. Il divano diventa il fulcro della zona giorno: sempre più grande e trasformista, attorno a lui ruota gran parte della vita quotidiana. E se da un lato la modularità sembra rappresentare il must assoluto della progettazione delle sedute, dall'altro emerge il ritorno dei divani più classici e rigorosi, frutto di reinterpretazioni di modelli iconici del passato.

Ecco alcuni dei divani presentati durante il Salone del Mobile 2019.

B&B Italia – Dock. La collaborazione tra B&B Italia e Piero Lissoni continua con Dock, sistema di imbottiti dalle infinite combinazioni grazie agli 84 elementi che lo compongono. Dalla vocazione orizzontale, Dock si allunga ai lati per formare un piano d’appoggio, giocando con forme e dimensioni attraverso composizioni bifacciali, angolari, chaise-longue, con o senza schienale. Rivestibile con un'ampia gamma di tessuti o pelle, per Dock sono stati studiati due nuovi tessuti dalla forte presenza materica.
De Padova – Blendy Lounge. Progettato da Omi Tahara, il divano Blendy Lounge completa la famiglia Blendy portando un tocco di novità: diverso dai precedenti per l'altezza della seduta, ha i piedini più corti e un cuscino più alto, unendo comfort ed eleganza in una seduta dal carattere senza tempo.
Diesel Living - AeroZeppelin. Durante la Milano Design Week di quest'anno, Diesel Living ha festeggiato i dieci anni di collaborazione con Moroso riproponendo l’amatissimo divano Nebula Nine e lanciando il nuovo modello AeroZeppelin, una seduta versatile e voluminosa, che cita le forme del dirigibile invocando leggerezza e ariosità.
Giorgetti – Skyline. Disegnato da Carlo Colombo, più che un divano è un'architettura domestica che plasma lo spazio definendone il carattere. Declinabile in svariate composizioni, può essere riconfigurato più volte nel tempo e accessoriato con diversi elementi d’appoggio. Un divano trasformista, che domina gli ambienti con eleganza ed essenzialità.
Magis – Costume. Per Magis, Stefan Diez ha pensato un divano modulare dal taglio asciutto e pulito, arricchito da raffinati dettagli con alla base una struttura realizzata in polipropilene riciclato e riciclabile.
Minotti – Daniels. Disegnato da Christophe Delcourt, Daniels potrebbe essere paragonato a un progetto di landscape design, in cui inedite combinazioni di elementi creano un nuovo paesaggio domestico. Dal carattere innovativo e versatile, Daniels si contraddistingue per la modularità che rende possibili diversi approcci e utilizzi: la struttura dello schienale, insieme alla combinazione di due diverse profondità, consente un gioco di sovrapposizioni degli schienali che crea movimento sul retro.
Poliform – Gentleman. Al Salone di quest'anno, Poliform ha presentato l'ultima nata dalla collaborazione con Marcel Wanders: Gentleman, la collezione di sedute, poltrone e pouf caratterizzata dalle linee nostalgiche e sottilmente rétro. Unendo design e lifestyle, Gentleman è pensata non solo per le situazioni residenziali, ma per tutte le occasioni dove gli spazi lounge sono fondamentali.
Poltrona Frau – Grant. Dedicato ai nomadi contemporanei: disegnato da Tristan Auer, Grant è il sistema di pouf versatile e trasversale pensato per una casa destrutturata ed elegantemente informale. Composto da una serie di elementi modulari, Grant cita lo stile ironico e dandy di Cary Grant, richiamando al contempo i codici degli sport equestri e alle ampie e lussuose automobili dell'anteguerra.
Tacchini – Sella. Tra le novità presentate da Tacchini al Salone del Mobile c'è Sella, divano ispirato alla celebre poltrona progettata dall'architetto Carlo De Carli nel 1966, un pezzo iconico della storia del design made in Italy. Realizzato con materiali pregiati come legno di noce a vista, metallo e cuoio, si caratterizza per le cuscinature in piuma e i rivestimenti in pelle extra soft, che offrono comfort e piacevolezza nella seduta. - Credits: Foto: Andrea Ferrari
Zanotta – Milano+. Per il Salone del Mobile di quest'anno, Zanotta ha rilanciato un grande classico del design italiano: il divano Milano, disegnato nel 1982 dal trio de Pas, D'Urbino e Lomazzi. Ne è nato un sistema di divani monoblocco, componibili e pouf caratterizzati dai piedini in lega di alluminio nichelsatinato, la struttura in acciaio e il cuscino in poliuretano a quote differenziate.
Flexform – Armand. All'interno della collezione Mood, il divano Armand spicca per le proporzioni generose, che offrono una calda accoglienza. Il comfort è dato dallo schienale e braccioli imbottiti, insieme ai cuscini in piuma d'oca. Il tutto tratteggia una silhouette morbida, che appoggia su piedi in metallo disponibili in un'ampia varietà di finiture.
Cassina – 146 Cotone. Disegnata da Ronan & Erwan Bouroullec, la famiglia di divani Cotone si allarga con un nuovo componente caratterizzato dal contrasto tra la struttura in alluminio e l’imbottitura soffice dei cuscini. La struttura può essere scelta in diversi colori, mentre gli imbottiti possono essere rivestiti con un'ampia scelta di tessuti o pelle. Inoltre, Cotone è disponibile in un’elegante versione modulare con lo schienale basso oltre che in una versione a un due o tre posti con lo schienale alto e accogliente. Un nido invitante che richiama il relax.
Living Divani – Greene. L'architetto e designer spagnolo David Lopez Quincoces ha creato il divano Greene, che si contraddistingue per le misure fisse e la scocca esterna strutturata ma morbida, che accoglie ampie cuscinature che invitano al relax. Le curve appena accennate animano una collezione dal mood rilassato e disinvolto, impeccabile.
Fendi – Duke. Quando funzionalità e stile si incontrano. Al Salone del Mobile, Fendi ha presentato Duke, il divano dai comodi braccioli contenitore impreziositi dal rivestimento in pelle con motivo FF logo all-over. Caratterizzato dalla struttura in telaio metallico rivestito in pelle con bordo a taglio vivo, il divano Duke nasconde dettagli deluxe: sul retro, il logo FENDI impresso a caldo e la cerniera metallica.
Molteni&C. – Gregor. Disegnato da Vincent van Duysen, Gregor è il risultato di uno studio sulle trasformazioni dell'ambiente living. Si compone di unità componibili e versatili, a seconda che si voglia chiacchierare, leggere o guardare la tv. “Gregor è una collezione di divani che gioca con le proporzioni, gli spessori e un mix di materiali raffinati. Il risultato è un linguaggio armonioso che nasce dal contrasto tra i morbidi, comodi cuscini e la rigida, resistente e lineare base in metallo”, ha raccontato Vincent van Duysen.