Lighthenge - Edison - Stefano Boeri
Milano Design Week

LightHenge, l’installazione di Edison firmata da Stefano Boeri Architetti

Di giorno è un'oasi in cui ricaricarsi dalla frenesia urbana, di notte è un satellite che proietta fasci luminosi verso il cielo. In occasione del Fuorisalone, Edison ha presentato LightHenge: un raggio italiano nel cielo dell'energia globale, un'installazione curata dallo studio Stefano Boeri Architetti con cui Edison ha voluto concretizzare la propria idea di energia.

«LightHenge è un’installazione di luce e suoni che rende scenografica e condivisa l’idea di energia urbana. Di notte, la piattaforma diventa un accogliente satellite, che proietta nel cielo i suoi raggi di luce», ha raccontato Stefano Boeri.

Allestita in piazza Gae Aulenti, in quell'Innovation Design District sempre più spesso teatro delle sperimentazioni nell'ambito della sostenibilità e della smart city, LightHenge vuole far riflettere sul concetto di energia e sulle sue implicazioni culturali e sociali. Un progetto che mira ad accendere – nel vero senso della parola – l'attenzione dei passanti nei confronti del significato più proprio di energia. Un'energia che in futuro sarà sempre più naturale grazie all'impegno nelle fonti rinnovabili di Edison, pronta ad avviare in Italia le prime sperimentazioni di “energy communities”, le comunità energeticamente autosufficienti.

L'installazione LightHenge racchiude in sé concretezza e immaterialità: dalla sua base, formata da una piattaforma circolare, emerge una foresta di coni blu cobalto in poliestere espanso in cui sedersi e rilassarsi per allontanare lo stress. A cullare i pensieri sono i suoni prodotti dal sistema audio installato all'interno della piattaforma, che immerge i visitatori in una dimensione di piacevole relax. Dal tramonto in poi, le estremità dei coni proiettano raggi luminosi verso il cielo: l'installazione assume così le sembianze di un organismo bioluminescente, come i funghi Mycena chlorophos delle isole Hachijo e Bonin. Una metafora dell'energia naturale e delle sue possibili interazioni con il contesto urbano.

Con LightHenge, Edison prosegue il proprio percorso di costruzione di un futuro di energia sostenibile attraverso la collaborazione con progettisti e architetti. Un percorso iniziato nel 1930 con la Casa Elettrica, sviluppata dal Gruppo 7 e da Piero Bottoni, e che non si è mai fermato in 130 anni di attività con progetti firmati da grandi nomi dell'architettura come Luigi Figini, Guido Frette, Adalberto Libera, Riccardo Morandi, Pier Luigi Nervi, Piero Portaluppi, Gino Pollini, Gio Ponti.

Lighthenge - Edison - Stefano Boeri
Lighthenge - Edison - Stefano Boeri
Lighthenge - Edison - Stefano Boeri
Lighthenge - Edison - Stefano Boeri
Stefano Boeri
Studio Stefano Boeri Architetti
Milano Design Week
The Tile Club: un club all'inglese pensato da Matteo Cibic per Marazzi
Icon Design Talks
Icon Design Talks 2018: giorno 1
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”