VEGAN DESIGN - Or the Art of Reduction, la mostra curata da Maria Cristina Didero
Panorama, la mostra personale di Valentina Cameranesi curata da Annalisa Rosso
Nanda Vigo, Light tree - Credits: Ph. Emilio Tremolada
Arcadia, il progetto curato da Alice Stori Liechtenstein
Unsighted, la mostra curata da Nicolas Bellavance-Lecompte
Milano Design Week

Fuorisalone 2018: la quinta edizione di 5VIE art+design

Dal 17 al 22 aprile, torna per il quinto anno 5VIE art+design, il distretto del circuito Fuorisalone che punta a valorizzare il patrimonio territoriale del centro storico di Milano. Per l’occasione gli organizzatori hanno selezionato una rosa di curatori d’eccellenza come Nicolas Bellavance-Lecompte, Maria Cristina Didero, Annalisa Rosso e Alice Stori Liechtenstein.

5VIE art+design si aprirà con It's Circular, un forum dedicato all'economia e al design circolare, che si svolgerà domenica 15 e lunedì 16 aprile presso la sede di ANCE in via San Maurilio.

In via Cesare Correnti al 14, headquarter di 5VIE, il curatore e gallerista canadese Nicolas Bellavance-Lecompte presenta un nuovo format intitolato Unsighted. Si tratta di un progetto espositivo in cui viene chiesto ai designer di produrre un pezzo senza conoscere il contesto, il luogo o la destinazione finale. I designer coinvolti per il debutto sono Anton Alvarez (Svezia/Cile), Bahraini Danish (Bahrain), Eric Schmitt (Francia), Niamh Barry (Irlanda), Omer Arbel (Canada), Roberto Sironi (Italia) e Seo Jeonghwa (Corea).

Parallelamente, Alice Stori Liechtenstein presenta il progetto Arcadia della giovane designer Sara Ricciardi: un'installazione immersiva e sensoriale che esplora il tema “Legacy" e svela la storia di Schloss Hollenegg, il programma internazionale con sede in Austria che sostiene la ricerca, il pensiero e la critica del design.

Maria Cristina Didero propone una riflessione sui temi del design e dell’etica con il progetto VEGAN DESIGN - Or the Art of Reduction del designer israeliano Erez Nevi Pana, che svolge il suo lavoro senza utilizzare alcun materiale di provenienza animale. Mentre Annalisa Rosso presenta la mostra personale della designer Valentina Cameranesi, dal titolo Panorama.

Altra novità di questa edizione è l’inaugurazione di un nuovo polo della creatività nell’ex spazio Meazza, ferramenta simbolo del dopoguerra per tutti i milanesi, chiuso ormai da due anni. Qui trova spazio, tra le altre, una mostra omaggio a Nanda Vigo, tra sculture luminose e proiezioni dedicate.

A Palazzo Litta torna l’appuntamento curato da DAMN° e MoscaPartners, intitolato The Litta Variations / 4th movement. Quest’anno il Cortile d’Onore ospiterà Tempietto nel Bosco, l’installazione dello studio di progettazione londinese Asif Khan. Rinnovato anche l’appuntamento con Masterly – The Dutch in Milano a Palazzo Turati con focus su design e artigianato olandese, con la curatela di Nicole Uniquole, che del progetto è anche ideatrice. E poi la sfilata di Seletti con Design Pride, in collaborazione con l’agenzia Paridevitale, che per il terzo anno consecutivo conquista le 5VIE.

Storytelling
In conversazione con Bethan Laura Wood
News
Antonio Ratti in mostra a Roma
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi