Alcova - Credits: Foto: Ruy Teixteira
Milano Design Week

Il Fuorisalone di NoLo: Alcova

Che NoLo sia una delle zone di Milano più gravide di creatività è ormai cosa nota e risaputa (per chi non lo sapesse, il nome è l'acronimo di North of Loreto). A mancare era solo la consacrazione del Fuorisalone, che arriva ora con Alcova, un progetto espositivo che si inserisce nel tessuto urbano - nello specifico nell'ex fabbrica di panettoni della pasticceria Giovanni Cova & C. - per far germogliare idee, pensieri e azioni sul tema dell'abitare contemporaneo.

Nato dal sodalizio tra Valentina Ciuffi, fondatrice di Studio Vedèt, e Joseph Grima di Space Caviar, Alcova sarà uno spazio dedicato alla progettazione nel senso più ampio del termine, in cui verranno presentati i lavori di venti designer, artisti e aziende provenienti da Olanda, Francia, Germania, Georgia e Italia tra cui Gijs Bakker, Hans Maier-Aichen, Buro Belén, Nanban, Bloc Studios, Luca Cipelletti, Architetti Artigiani Anonimi e il collettivo Better Known As. Le loro opere dialogheranno con gli ambienti dell'ex fabbrica e con i suoi frammenti di natura incolta creando intrecci suggestivi tra arte, moda, architettura e design.

Ad affiancare l'esposizione sarà poi un programma di incontri, performance (a cura di Marsèlleria) e reading: si parte martedì 17 aprile alle ore 17.00 con la presentazione di FAQA dello stilista Fabio Quaranta, per proseguire mercoledì 18 alle ore 15.00 con la performance A slow dance without a name di Jacopo Miliani e di Antonio Torres, oltre alla conversazione moderata da Tamir Shafrir tra Marco Petroni, Martina Muzi e Parasite 2.0 sul rapporto tra design e giustizia sociale, e con il talk Architetture Morbide alle ore 16 con Cristiano Toraldo di Francia, Cristiana Colli e Joseph Grima.

Giovedì 19 aprile sarà invece la volta del live della dj berlinese Eva Geist tra le 17.30 e le 20.00, mentre venerdì 20 dalle 15.00 alle 18.00 ci saranno le sperimentazione di "sound activation" di Ottaven, alias musicale di Canedicoda, con il suo SPRM#123456 che si intreccerà alla presentazione The Japanese Kiosk dell'e-commerce dedicato al design giapponese Nanban.

Last but not least, sabato 20 aprile alle ore 17.30 si terrà il reading dedicato alla pubblicazione del libro Taboo dell'artista Gianandrea Poletta, organizzato dal brand Marsèll. Quest'ultimo presenterà un allestimento in legno che farà da palcoscenico all'installazione Marsèll on paper e ad alcuni capi della collezione FW 18/19. Il palinsensto di eventi sarà inoltre accompagnato da GATAUS, ironico progetto di Mirko Rizzi realizzato in collaborazione con Canedicoda che si sviluppa attorno al rapporto tra la casa e il gatto.

  • Dove: via Popoli Uniti 11 - 13, dal 17 al 22 aprile
Gli spazi dell'ex fabbrica di panettoni - Credits: Foto: Giulia Piermartiri
Gli spazi dell'ex fabbrica di panettoni - Credits: Foto: Giulia Piermartiri
Alcova - Credits: Foto: Ruy Teixteira
Jacopo Miliani
GATAUS
Eva Geist
News
L'architettura della memoria secondo Luca Cipelletti
Milano Design Week
Il design etico (e vegano) di Erez Nevi Pana
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi