Credits: Illustrazione di Federico Conti Picamus
Corallo, Cristina Celestino
Souvenir Milano, Maddalena Selvini
Essenza - A wooden story - ETEL | Via Maroncelli 13
Milano Design Week

Fuorisalone 2018: Brera Design District


In occasione del Fuorisalone, dal 17 al 22 aprile, Brera Design District torna con la sua nona edizione. Lo scorso anno la rassegna ideata e promossa da Studiolabo ha registrato 180 eventi e 300 aziende coinvolte con un passaggio di 300.000 persone e quest’anno torna a promuovere progetti speciali e iniziative culturali riunite sotto il tema Be Human: progettare con empatia.

Il premio Lezioni di Design va a Constance Gennari , fondatrice – insieme a Marianne Gosset – e creative director di The Socialite Family , progetto dedicato alla casa e alle persone che la abitano.

Gli ambasciatori di Brera Design District saranno Cristina Celestino con il progetto Corallo, che propone una rilettura dello storico tram 1928, e una collaborazione con Fornace Brioni; Elena Salmistraro con Don’t Call Me... Dafne, un’installazione in Piazza XXV Aprile realizzata in collaborazione con Timberland; Daniele Lago con il progetto NEVER STOP LOOKING BEYOND, che aprirà le porte di Appartamento Lago in via Brera 30 e Casa Lago in via San Tomaso 6.

Tra i numerosi appuntamenti che popoleranno il distretto, in costante aggiornamento, Brera Design Apartment, in via Palermo 1, propone Souvenir Milano a cura Raffaella Guidobono, un omaggio alla città meneghina con il contributo di 12 designer: Stories_of_Italy, Maddalena Selvini, Cynthia Vilchez Castiglioni, Agustina Bottoni, Astrid Luglio, Sara Ricciardi, Giulio Ceppi, Giovanna Carboni, Sour per Bottega Nove, Leftover per StudioF, Giulio Iacchetti e Gio Tirotto.

Da segnare anche Design brasiliano, dal modernismo a oggi, un percorso dedicato al design brasiliano realizzato in collaborazione con il Consolato Generale del Brasile a Milano, l'agenzia brasiliana per il commercio e la promozione Apex-Brasil. In via Maroncelli 14, 13 e 12 ci saranno esposti i migliori prodotti e creazioni di design brasiliano. Nel pavilion è in programma la mostra dal titolo Modern Brazilian Masters, a cura di Lissa Carmona (ETEL) e la personale organizzata dall'ambasciata brasiliana a Roma, l'Istituto Sergio Rodrigues e Lin Brasil dal titolo Sergio Rodrigues e l’Italia. Infine, presso la sala centrale dello spazio avrà luogo il palinsesto di spettacoli ed eventi From Contemporary to Today.

Infine, MI-ORTO, un progetto che nasce per avvicinare l'agricoltura alla città grazie a un'installazione  di orti-mobili e sedute incorporate che trasformeranno Piazza XXV Aprile. L'evento è promosso e ideato da Eataly Milano Smeraldo in collaborazione con Liveinslums Onlus e una serie di associazioni e gruppi attivi nel campo della pratica dell’agricoltura urbana e del design ecologico e sociale, con il patrocinio del Comune di Milano Municipio 1.

Products
Zanotta celebra Achille Castiglioni
Video
Nike Epic React Flyknit secondo Stefano Colferai
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi