Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Milano Design Week

The Tile Club: un club all’inglese pensato da Matteo Cibic per Marazzi

Fondato nel 1877 a New York, The Tile Club era un collettivo di artisti che realizzava piccole opere d'arte su mattonelle di ceramica. Nasce da qui l'ispirazione per l'allestimento immaginato da Matteo Cibic con Studio Blanco per lo showroom Marazzi in occasione del Fuorisalone: un ambiente sospeso nel passato che riprende l'arredamento dei tipici gentlemen's club inglesi immergendo i visitatori in un'atmosfera rilassata ed esclusiva.

The Tile Club prende come punto di partenza l'opera del collettivo newyorkese – che si traduce anche nei disegni realizzati sui frammenti delle ceramiche Marazzi - per trasformarsi un un club privato suddiviso in cinque stanze: una lobby con portiere (vestito di blu elettrico), una lounge aperta centrale, un cafè, una wunderkammer con i materiali Marazzi disposti come se fossero dischi e un bistrot. Qui si viene per prendersi un caffè o semplicemente per rilassarsi circondati dalle installazioni pensate da Matteo.

A dominare gli spazi sono palette cipriate e geometrie morbide, che tratteggiano un mondo di materie vellutate. «Tutto è realizzato in gres porcellanato, dal bancone ai tavoli fino ai pavimenti, la reception e la boiserie», racconta Matteo. L'ambiente è stato disegnato utilizzando la collezione Marazzi Grande 2018, che ha aggiunto i super formati 160x320cm e 162x324cm alle lastre 120x120cm e 120x240cm, due spessori da 6 e 12mm e nuovi look ispirati ai marmi più pregiati, al cemento e ai metalli.

«Per realizzare questa installazione, sono partito da alcune ricerche sulle intersezioni tra arte e ceramica per arrivare alla storia degli artisti di The Tile Club, che mi incuriosiva molto. Ho mescolato questa ispirazione all'idea di creare un club privato all'inglese che fosse divertente e al contempo elegante. Come ogni club che si rispetti, tutti hanno un'uniforme, dal portiere alla reception fino ai baristi. La struttura delle stanze si sviluppa attorno a un tema centrale che riprende la struttura delle piazze italiane», racconta Matteo.

Disseminati per l'ambiente ci sono poi le creature buffe della collezione Paradiso Dreams: animaletti in ceramica che spuntano tra le ceramiche Marazzi. L'ironia di Matteo Cibic applicata ai rivestimenti Marazzi.

  • Dove: Showroom Marazzi, via Borgogna 2, fino al 22 aprile
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Marazzi - The Tile Club - Credits: Foto: Omar Sartor
Matteo Cibic - Credits: Foto: EmilioTini
Milano Design Week
Un’installazione luminosa in Triennale
Milano Design Week
LightHenge, l'installazione di Edison firmata da Stefano Boeri Architetti
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata