Piuma, la nuova seduta ultraleggera disegnata da Piero Lissoni - Credits: Kartell
Milano Design Week

Kartell, ecco le anteprime del Salone del Mobile 2016

Alessandro Mitola

Ricerca, tecnologia e sperimentazione sono le parole chiave della nuova linea firmata Kartell che verrà svelata in occasione del Salone del Mobile 2016, in programma dal 12 al 17 aprile.

Il brand capitanato da Claudio Luti continua a puntare sull’innovazione, affidandosi a designer di prestigio come Antonio Citterio, Piero lissoni, Philippe Starck ed Eugeni Quitllet.

Multiplo, il tavolo firmato Antonio Citterio

Antonio Citterio mette a punto una famiglia di tavoli che rivela una natura camaleontica: la struttura dei piani è realizzata in materiale plastico con basi differenti oppure in ceramica sottilissima. Multiplo verrà presentato in quattro versioni con misure, colori e abbinamenti materiali diversi che ne confermano la versatilità.

La poltroncina Piuma e il divano Largo, disegnati da Piero Lissoni

Piuma è la nuova poltroncina disegnata da Piero Lissoni, nata dopo un’intensa gestazione durata due anni. Il progetto combina innovazione tecnologica e sapiente uso dei materiali usati: un’inedita miscela impiegata nell’industria dell’automotive conferisce alla seduta rigidità meccanica ed elevata leggerezza (poco più di 2 chilogrammi). Il tutto racchiuso in un design essenziale adatto agli ambienti interni ed esterni.

Un’altra novità firmata dal designer milanese è Largo, un divano a 3 posti con una struttura in policarbonato dalle forme lineari ed eleganti, che accoglie ampi cuscini offrendo un alto livello di comfort.

Il tavolo Sir Gio disegnato da Philippe Starck

L’ultima impresa firmata dall’architetto e designer francese Philippe Starck si chiama Sir Gio, un tavolo nato come ampliamento della famiglia Aunts&Uncles. Il design è altamente riconoscibile e presenta una base a razze interamente realizzata in policarbonato trasparente.

Dream' Air, la seduta disegnata da Eugeni Quitllet

Il francese Eugeni Quitllet presenta una seduta che coniuga sapientemente una struttura geometrica e una seduta trasparente, frutto di un inedito lavoro formale per Kartell.

La seduta Maui di Vico Magistretti compie vent'anni

La seduta Maui disegnata nel 1996 dal Maestro del design Vico Magistretti spegne quest’anno 20 candeline. Divenuta ormai un best seller dell’azienda, grazie all’implementazione di nuova tecnologie, ha dato vita ad una vera e propria famiglia: Maui, Maui su ruote e Maui Soft.

Multiplo, il tavolo disegnato da Antonio Citterio - Credits: Kartell
Largo, il nuovo divano disegnato da Piero Lissoni - Credits: Kartell
Sir Gio, il tavolo disegnato da Philippe Starck - Credits: Kartell
Dream' Air, la seduta disegnata da Eugeni Quittlet - Credits: Kartell
Maui, l'iconica seduta disegnta da Vico Magistretti nel 1996 - Credits: Kartell
News
La XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano
Milano Design Week
5VIE art+design, gli eventi da non perdere
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi