Luce, il tavolo disegnato da Piero Lissoni, Art Director di Lema - Credits: Lema
Luce è caratterizzato da una silhouette essenziale ed elegante - Credits: Lema
Steward, il contenitore in legno progettato dal designer francese Christophe Pillet - Credits: Lema
Steward è caratterizzato da ante a ribalta che nascondono ampi vani e cassetti scorrevoli - Credits: Lema
Graceland, il tavolo rotondo progetto da Christophe Pillet Christophe Pillet - Credits: Lema
Milano Design Week

Lema reinterpreta gli anni Cinquanta e Sessanta

Alessandro Mitola

Lema torna a rappresentare l’eccellenza del made in Italy in occasione del Salone del Mobile 2016, mantenendosi in equilibrio tra sapere artigiano e tecnologie industriali.

L’azienda brianzola, oggi alla sua seconda generazione, presenta sotto la guida artistica di Piero Lissoni una serie di pezzi inediti che incarnano il dna dello stile Lema, tra accoglienza e convivialità, relax e calore.

Ogni elemento d’arredo è segnato da un preciso segno estetico, sapiente reinterpretazione in chiave moderna degli stilemi progettuali tipici degli anni Cinquanta e Sessanta.

Il tavolo Luce si distingue per la sua profonda pulizia formale, tipica del lessico progettuale di Piero Lissoni, che ha incentrato il suo lavoro sulla sottrazione. Volumi e spessori sono ridotti al minimo: il piano in legno e la struttura in alluminio pressofuso conferisco estrema leggerezza al complemento.

Lema conferma il sodalizio creativo con Christophe Pillet che realizzza Steward, un contenitore in legno impreziosito da dettagli in HPL laccato e base in metallo. Si tratta di un cubo essenziale dal sapore retrò, caratterizzato da ante a ribalta che nascondono ampi vani e cassetti scorrevoli al servizio della zona living.

Infine Graceland, un tavolo rotondo, sempre firmato dal designer francese, definito da linee razionali e una struttura in metallo abbinata a un piano proposto in un’elegante finitura Argilla.

Products
Helix lamp, la lampada a sospensione dal segno grafico puro
Storytelling
Mario Nanni e la poesia della Luce
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto