Luce, il tavolo disegnato da Piero Lissoni, Art Director di Lema - Credits: Lema
Luce è caratterizzato da una silhouette essenziale ed elegante - Credits: Lema
Steward, il contenitore in legno progettato dal designer francese Christophe Pillet - Credits: Lema
Steward è caratterizzato da ante a ribalta che nascondono ampi vani e cassetti scorrevoli - Credits: Lema
Graceland, il tavolo rotondo progetto da Christophe Pillet Christophe Pillet - Credits: Lema
Milano Design Week

Lema reinterpreta gli anni Cinquanta e Sessanta

Alessandro Mitola

Lema torna a rappresentare l’eccellenza del made in Italy in occasione del Salone del Mobile 2016, mantenendosi in equilibrio tra sapere artigiano e tecnologie industriali.

L’azienda brianzola, oggi alla sua seconda generazione, presenta sotto la guida artistica di Piero Lissoni una serie di pezzi inediti che incarnano il dna dello stile Lema, tra accoglienza e convivialità, relax e calore.

Ogni elemento d’arredo è segnato da un preciso segno estetico, sapiente reinterpretazione in chiave moderna degli stilemi progettuali tipici degli anni Cinquanta e Sessanta.

Il tavolo Luce si distingue per la sua profonda pulizia formale, tipica del lessico progettuale di Piero Lissoni, che ha incentrato il suo lavoro sulla sottrazione. Volumi e spessori sono ridotti al minimo: il piano in legno e la struttura in alluminio pressofuso conferisco estrema leggerezza al complemento.

Lema conferma il sodalizio creativo con Christophe Pillet che realizzza Steward, un contenitore in legno impreziosito da dettagli in HPL laccato e base in metallo. Si tratta di un cubo essenziale dal sapore retrò, caratterizzato da ante a ribalta che nascondono ampi vani e cassetti scorrevoli al servizio della zona living.

Infine Graceland, un tavolo rotondo, sempre firmato dal designer francese, definito da linee razionali e una struttura in metallo abbinata a un piano proposto in un’elegante finitura Argilla.

Products
Helix lamp, la lampada a sospensione dal segno grafico puro
Storytelling
Mario Nanni e la poesia della Luce
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Sulla torre di Gio Ponti

Sulla torre di Gio Ponti

Sobrio, elegante. Innovativo, ma in armonia con il contesto. A Milano, il primo grattacielo italiano ha un’anima swing e segna l’ultima collaborazione tra Lancia e Ponti
I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

Casa dei Carraresi ospita un grande percorso espositivo dedicato a un tema tanto caro al fotografo americano, quello degli amici a quattro zampe
Un tour di architettura in compagnia di Kengo Kuma


Un tour di architettura in compagnia di Kengo Kuma


A Tokyo, l’architetto giapponese condivide l'ispirazione 
per la realizzazione del Tokyo 2020 Stadium. Un’esperienza targata Airbnb
Il lessico kantiano secondo l

Il lessico kantiano secondo l'information design: Valerio Pellegrini

Da Wild Mazzini, la prima galleria dedicata interamente all'information design, va in scena un progetto che unisce la filosofia alla rappresentazione visiva dei dati
The Venice Glass Week 2018

The Venice Glass Week 2018

Torna il festival internazionale dedicato all’arte vetraria, con 180 appuntamenti tra mostre, visite guidate, conferenze e workshop