Luce, il tavolo disegnato da Piero Lissoni, Art Director di Lema - Credits: Lema
Luce è caratterizzato da una silhouette essenziale ed elegante - Credits: Lema
Steward, il contenitore in legno progettato dal designer francese Christophe Pillet - Credits: Lema
Steward è caratterizzato da ante a ribalta che nascondono ampi vani e cassetti scorrevoli - Credits: Lema
Graceland, il tavolo rotondo progetto da Christophe Pillet Christophe Pillet - Credits: Lema
Milano Design Week

Lema reinterpreta gli anni Cinquanta e Sessanta

Alessandro Mitola

Lema torna a rappresentare l’eccellenza del made in Italy in occasione del Salone del Mobile 2016, mantenendosi in equilibrio tra sapere artigiano e tecnologie industriali.

L’azienda brianzola, oggi alla sua seconda generazione, presenta sotto la guida artistica di Piero Lissoni una serie di pezzi inediti che incarnano il dna dello stile Lema, tra accoglienza e convivialità, relax e calore.

Ogni elemento d’arredo è segnato da un preciso segno estetico, sapiente reinterpretazione in chiave moderna degli stilemi progettuali tipici degli anni Cinquanta e Sessanta.

Il tavolo Luce si distingue per la sua profonda pulizia formale, tipica del lessico progettuale di Piero Lissoni, che ha incentrato il suo lavoro sulla sottrazione. Volumi e spessori sono ridotti al minimo: il piano in legno e la struttura in alluminio pressofuso conferisco estrema leggerezza al complemento.

Lema conferma il sodalizio creativo con Christophe Pillet che realizzza Steward, un contenitore in legno impreziosito da dettagli in HPL laccato e base in metallo. Si tratta di un cubo essenziale dal sapore retrò, caratterizzato da ante a ribalta che nascondono ampi vani e cassetti scorrevoli al servizio della zona living.

Infine Graceland, un tavolo rotondo, sempre firmato dal designer francese, definito da linee razionali e una struttura in metallo abbinata a un piano proposto in un’elegante finitura Argilla.

Products
Helix lamp, la lampada a sospensione dal segno grafico puro
Storytelling
Mario Nanni e la poesia della Luce
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento