Credits: Loewe
Milano Design Week

Loewe e l’arte dell’intarsio

Alessandro Mitola

In occasione del Salone del Mobile, Loewe presenta una linea di mobili in quercia e una serie di oggetti, tra lampade, scatole portasigari, agende e pochette, segnati molteplici frammenti in pelle colorati.

La maison spagnola, sotto l’attenta guida del direttore creativo Jonathan Anderson, espone la maestria pellettiera attualizzando esistenti forme artigianali in un processo basato su metodi tradizionali di rilegatura e falegnameria.

Intarsi di diversi materiali sono impiegati per impreziosire gli arredi: i ritagli di pelle applicati sulle superfici in legno creano decori tratti da stampe e motivi d’archivio.

L’ispirazione del progetto arriva dal design radicale dell’artista e critico Roger Fry, tra cui spiccano i mobili ricoperti da arditi motivi dipinti a mano, e dal Bloomsbury Group, associazione di artisti e scrittori londinesi degli inizi del XX secolo.

Gli atelier hanno utilizzato la rielaborata tecnica di lavorazione della pelle su sei oggetti di arredo risalenti all’inizio del XX secolo, accuratamente selezionati da Jonathan Anderson, tra cui un grande armadio e due sedie Baillie Scott, decorati da disegni in pelle che ritraggono fiori, paesaggi e illustrazioni.

Se da una parte i motivi riprodotti su pelle sono ripresi da stampe su seta di archivio, la raffigurazione ricorrente di una carpa è ispirata ai secolari paravento in legno giapponesi utilizzati da Anderson nelle collezioni passate.

Ogni motivo è reinterpretato, ingrandito o reso astratto con l’obiettivo di ottenere un mood contemporaneo. Le diverse tipologie di pelle sono state utilizzate per dare vita a un effetto pittorico dalle molteplici texture e sezioni contrastanti.

Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Credits: Loewe
Milano Design Week
Caran d'Ache, il Fixpencil firmato Mario Botta
Products
Pavilion, lo speaker Bluetooth dal design scultoreo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto