Biondi, un divano a tre posti con chaise longue - Credits: MaxDivani
Soft Levi, un divano che unisce comfort e materiali pregiati - Credits: MaxDivani
Albachiara, un divano rivestito in pelle pura anilina, con imbottiture in poliuretano espanso e piuma d’oca - Credits: MaxDivani
Brera, un divano dal design lineare in pelle pura anilina con imbottiture in poliuretano espanso a differenti densità - Credits: MaxDivani
Nando, un divano dalle forme generose, caratterizzato da una particolare lavorazione sul retro della spalliera - Credits: MaxDivani
Cestra, il divano disegnato da Giuliano e Gabriele Cappelletti - Credits: MaxDivani
Trilussa, il set di tavolini dall'aspetto vintage disegnato da Giovanna Azzarello - Credits: MaxDivani
Aurora, la nuova sedia disegnata da Giovanna Azzarello - Credits: MaxDivani
Urano, il tavolo in massello di rovere affumicato o noce canaletto con base in metallo messo a punto da Giovanna Azzarello - Credits: MaxDivani
Saturno, la madia disegnata da Giovanna Azzarello, caratterizzata da ante scorrevoli e struttura in noce canaletto - Credits: MaxDivani
Saturno, la madia disegnata da Giovanna Azzarello - Credits: MaxDivani
OperaPrima, la libreria disegnata da Giovanna Azzarello - Credits: MaxDivani
OperaPrima, la libreria disegnata da Giovanna Azzarello - Credits: MaxDivani
Milano Design Week

MaxDivani, divani ma non solo

Alessandro Mitola

Tante novità in fatto divani, ma anche una famiglia di complementi d’arredo per la zona living: quella presentata da MaxDivani in occasione del Salone del Mobile 2016 è una collezione decisamente corposa.

Partendo dagli imbottiti, l’azienda altamurana fondata nel 1956 da Rocco Ferri allarga la sua offerta con librerie, madie, tavoli, tavolini e sedie, elementi contraddistinti da una esclusiva pregevolezza della manifattura.

Tra tutti spicca la libreria OperaPrima, disegnata dall’architetto Giovanna Azzarello e caratterizzata da una struttura modulare in metallo che la rende estremamente versatile. Così come Saturno, la madia in legno di noce canaletto dal design essenziale e rigoroso.

Degno di attenzione anche il tavolo Urano, che gioca sulle asimmetrie e coniuga un mix di legno naturale e metallo. Oppure la trilogia di tavolini in legno Trilussa, che possono essere sommati o considerati singolarmente, mentre tra le sedie, il modello Aurora, con le sue forme avvolgenti, è sicuramente protagonista.

La collezione include anche la poltroncina Circle, frutto di un lavoro a quattro mani dei designer Giuliano e Gabriele Cappelletti. Il duo firma anche Cesta Sofà: una serie di cuscini dalle forme morbide arricchita da una trapuntatura e minuziosi dettagli delle cuciture. Entrambi i prodotti sono pensati per arredare il living, ma sono facilmente in grado di adattarsi all’universo del contract.

Places
Il nuovo Renaissance Paris Republique Hotel
News
Una cascata di colori sulla Fondation Louis Vuitton
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto