Antonio Aricò e nonno Saverio - Credits: Courtesy of Altrove
Un frame dall'intro di Le Radici e le Ali - Credits: Courtesy of Altrove
Saverio Zaminga: frame da le Radici e le Ali - Credits: Courtesy of Altrove
Alberto Alessi: frame da le Radici e le Ali - Credits: Courtesy of Altrove
Antonio Aricò: frame da le Radici e le Ali - Credits: Courtesy of Altrove
Stefano Seletti: frame da le Radici e le Ali - Credits: Courtesy of Altrove
Antonio Aricò - Credits: Courtesy of Altrove
Milano Design Week

Le radici e le ali di Antonio Aricò

È cresciuto nella falegnameria del nonno, con il profumo del legno. E quelle sensazioni, quelle giornate trascorse a guardare gli oggetti nascere dalle mani e dal cuore, non se ne sono mai andate. Antonio Aricò è nato a Reggio Calabria e oggi vive a Milano. Un percorso verso il nord, verso la capitale del design, fatto da tantissimi creativi. Ma come fanno in pochi, Antonio Aricò ha iniziato a voltarsi indietro, per guardare alle sue origini e al lascito che la sua terra ha impresso nella sua produzione artistica.

Diceva il poeta spagnolo Juan Ramón Jiménez: “Radici e ali. Ma che le ali mettano radici e le radici volino”. Antonio Aricò ne fa il suo manifesto poetico annodando le fila di un percorso a ritroso da cui nasce il documentario Le radici e le Ali, che verrà presentato l'8 aprile all'Arci Bellezza di Milano in occasione della Design Week. Tra le voci che si intrecciano nella pellicola, in primis c'è quella del nonno Saverio Zaminga, “la quintessenza del fare e del saper fare”. Con lui, Antonio ha prodotto la sua prima collezione, Back Home, presentata nel 2012. Partendo dal mondo famigliare di Antonio, il documentario allarga pian piano lo sguardo alle aziende con cui il designer ha collaborato negli anni, con gli interventi di Alberto Alessi e Stefano Seletti, ma anche di altre personalità del design, dell'arte e dell'artigianato come Francesca Appiani, Silvia Ariemma, Elena Salmistraro, Laura Polinoro, Rocco Condurso, Fedele Zaminga, zio di Antonio, Tito Malara e Anna Maria Gullì. I loro pensieri compongono una riflessione sfaccettata sul ruolo dell'artigianato nel contesto contemporaneo e nell'industria del design. Si parla di radici, ma soprattutto di come queste possano spiccare il volo.

Il documentario giunge infine alle ultime collaborazioni di Antonio per la Design Week 2019. C'è Seminara: Triulu, Malanova e Scuntintizza, progetto di Editamateria x Delvis che verrà presentato al Brera Design District (in via Palermo 11, dal 9 al 14 aprile). Un viaggio nel tempo con cui Antonio recupera la tradizione delle ceramiche artistiche di Seminara insieme a Rocco Condurso, uno degli ultimi maestri dell'arte ceramica calabrese. Ma nel documentario c'è anche I giganti: mata e grifo, progetto realizzato per il brand altreforme in collaborazione con la designer Elena Salmistraro. Partendo dalla storia d'amore tra i due Giganti del Sud Italia, Antonio, Elena e Valentina Fontana Castiglioni di altreforme imbastiscono uno spettacolo che andrà in scena presso la Galleria Rossana Orlandi (dal 9 al 14 aprile).

Il documentario Le Radici e le Ali, realizzato insieme a Altrove con il contributo di Delvis, verrà presentato all'Arci Bellezza di Milano lunedi 8 aprile e venerdi 12 aprile alle ore 19.00, e in via Palermo 11 dal 9 al 14 aprile dalle ore 10.00 alle ore 20.00. Qui sotto il trailer.