La cucina Ki di Scavolini, firmata da Nendo - Credits: Scavolini
La cucina Ki di Scavolini, firmata da Nendo - Credits: Scavolini
Un dettaglio della cucina Ki di Scavolini, firmata da Nendo - Credits: Scavolini
Il bagno Ki di Scavolini, firmato Nendo - Credits: Scavolini
Milano Design Week

Scavolini, le anteprime del Salone del Mobile 2016

Alessandro Mitola

Dalla collaborazione tra Scavolini e Nendo nasce la collezione Ki, una proposta d’arredo dedicata agli ambienti cucina e bagno, che verrà svelata in occasione del Salone del Mobile 2016.

Dopo Ora-ïto, Diesel Creative Team, Michael Young, Karim Rashid, King&Miranda Design e Giugiaro Design, è la volta dello studio guidato da Oki Sato, meglio conosciuto per il suo immaginario essenziale e rigoroso. «L’idea alla base di questa cucina è di farla scomparire in due oggetti, perché questo ambiente ne è in realtà sempre molto pieno», spiega il designer giapponese.

Scavolini Ki: stile minimal, ispirazione giapponese

La cucina Ki, dal giapponese legno, sintetizza il gusto minimale contemporaneo di Nendo, articolandsi in composizioni lineari, a isola e penisola. Il progetto vede protagonisti contenitori appoggiati sulle mensole a fungere da pensili oppure come lavello e piano cottura. Ante, gole, alzatine, schienali, zoccoli e piani sono proposti in monofinitura. L’apertura di basi e cestoni è regolata da un’anta con lato maniglia sagomato e da un top con profilo inclinato a 45°.

Da appoggio, incasso e freestanding, il contenitore bagno viene scelto come sistema alternativo ai pensili e per disegnare il lavabo, mentre le specchiere, lastre dalle linee essenziali, nascondono un funzionale sistema di illuminazione led studiato ad hoc, completato da luci a parete o sospensione.

Products
10 sgabelli d’autore, tra estetica e funzionalità
Storytelling
Alessio Sarri e l'arte della ceramica
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto