Pedrali, Tribeca, design di Mandelli-Pagliarulo
Milano Design Week

Sedie: le novità presentate al Salone del Mobile

Non semplici sedie, ma architetture sofisticate in grado di trasformare il nostro modo di sederci. Le sedie presentate al Salone del Mobile lanciano lo sguardo verso il futuro offrendo nuove interpretazioni delle classiche sedute della zona giorno.

A caratterizzarle sono i volumi asciutti e leggeri, ma anche le forme visionarie ed evocative, frutto della fantasia sconfinata dei designer. Dai loro disegni nascono sedute dagli accenti contemporanei capaci di rispondere alle trasformazioni della casa contemporanea e della zona giorno. A concretizzarle sono materiali ipertecnologici sempre più performanti, garanzia di durevolezza e solidità. E infine, via libera al colore, al gioco e alla sperimentazione. Perché le sedie sono fatte anche per divertirsi a creare combinazioni insolite e curiose.

Abbiamo selezionato alcune delle novità presentate durante il Salone del Mobile. Eccole nelle gallery qui sotto.

Cassina – Beugel – design by Gerrit T. Rietveld. Per il Salone del Mobile, Cassina ha riproposto Beugel, una seduta progettata nel 1927 dal celebre architetto Gerrit T. Rietveld, esponente del movimento neoplastico. Grazie al lavoro svolto dal Centro Ricerche e Sviluppo di Cassina, la sedia Beugel si caratterizza ora per una seduta più ergonomica, mentre lo schienale segue la forma naturale del corpo. Inoltre, il diametro di 15mm rende la sedia ancora più leggera.
Infiniti – Canova – Design by Claus Breinholt. Si ispira al celebre scultore la sedia progettata da Claus Breinholt per Infiniti: una seduta che reinterpreta la struttura delle antiche sedie da caffè attraverso l'utilizzo di un materiale plastico, declinabile in un'ampia varietà di colorazioni pop. Ideale sia per gli interni che per l'outdoor, Canova è una seduta monoscocca stampata in polipropilene, con sedile imbottito tappezzato in tessuto.
Pedrali – Soul – Design by Eugeni Quitllet. Il designer catalano firma una sedia caratterizzata dalle linee sinuose ma al contempo asciutte. Abbinando i materiali del legno e del policarbonato, la seduta Soul rappresenta l'incontro tra il passato e il futuro, l'unione la tradizione della lavorazione del legno e l'innovazione del policarbonato.
Magis – The Roof Chair – design by Splavieri & Del Ciotto. Un tetto su cui sedersi per osservare il mondo, oppure un oggetto su cui arrampicarsi e scivolare. O ancora: una casetta in cui nascondersi e sognare. The Roof Chair è una sedia che incita il gioco e la creatività dei bambini. Ipertecnologica, si compone di una struttura tubolare di alluminio e di una traversa centrale protetta da un’imbottitura in poliuretano espanso flessibile, mentre il rivestimento è in tessuto 3D a portanza ed elasticità differenziate.
Calligaris – Liberty. Una sedia che strizza l’occhio alle nuance degli anni '70 e che proietta nel presente le linee delle più famose Thonet. Realizzata in polipropilene con e senza braccioli, Liberty di Calligaris è leggera e versatile dato che può essere utilizzata anche per l'outdoor. Inoltre, Liberty è disponibile in otto variazioni cromatiche.
Molteni & C. - Barbican – design by Rodolfo Dordoni. Per questa sedia, Rodolfo Dordoni si è ispirato al Barbican Centre, complesso architettonico progettato dagli architetti Chamberlin e Powell&Bon alla fine degli anni cinquanta che diventò un centro poliedrico dedicato alle arti visive, teatrali e musicali. Ne è nata una linea di sedute imbottite integrate, aperte o dotate di braccioli, la cui scocca in poliuretano rigido può essere rivestita in tessuto o pelle.
Lago – Ermes – design by Archirivolto. Ermes è una sedia personalizzabile che consente un'ampia varietà di combinazioni: è possibile abbinare i tessuti e le pelli della seduta e dello schienale, oltre a giocare con i colori o con gradazioni tono su tono dello stesso materiale. Lo schienale poi è disponibile in due altezze, mentre la struttura metallica è disponibile verniciata in color grafite.
Porro – Frank – Design by Piero Lissoni. Per Porro, Piero Lissoni ha concepito una sedia liberamente ispirata al design scandinavo che si contraddistingue per un design che fonde tre elementi distinti: lo schienale a conchiglia morbido e avvolgente, le gambe solide e robuste in metallo e la seduta con cinghie elastiche di grande spessore.
Antonio Marras + Saba – New York. Per il Salone del Mobile, la creatività di Antonio Marras ha reinterpretato la collezione di sedie New York di Saba, che si è arricchita dei disegni e degli accostamenti tessili della collezione autunno-inverno 2018/19. Fantasie a maxi fiori, pied-de-poule, tartan e scene di caccia sono stati riadattati da Saba appositamente per la collezione. Alcuni modelli, contraddistinti da interventi pittorici realizzati dallo stilista, sono pezzi unici.
Flexform – Leda – Design by Antonio Citterio. È la dining chair della collezione Leda disegnata da Antonio Citterio: realizzata con legno massello (disponibile in un'ampia gamma di varietà e tinture), è una seduta comoda e confortevole grazie al cuscino in piuma con inserto in materiale indeformabile. Il rivestimento può essere scelto in tessuto o in pelle.
Kartell – Woody – design by Philippe Starck. Una collezione di sedute dalle linee morbide e sinuose, realizzata grazie a uno speciale brevetto che consente di lavorare il legno con uno stampo in grado di portare al limite la curvatura del pannello e creare una scocca della seduta dalle forme rotonde. A disegnare Woody è Philippe Starck, che racconta: “Dopo oltre 30 anni di ricerca, finalmente abbiamo creato sedie in legno che esprimono davvero, grazie all’alleanza con la plastica, la vera essenza del legno”.
Selva – Emerald – design by Lorenzo Bellini. Comoda come una poltrona: caratterizzata dallo schienale imbottito e dalla struttura in faggio massello, la sedia Emerald riprende le estetiche del passato per incarnare una seduta classica e senza tempo.
Maruni – Fugu – design by Jasper Morrison. Per festeggiare i suoi 90 anni, Maruni ha presentato una collezione di sedie firmate da Jasper Morrison e Naoto Fukawsawa. Protagonista dell'immagine qui sopra è Fugu: una solida sedia in legno realizzata grazie alle innovative tecnologie di taglio del legno di Maruni. “Il mio obiettivo era quello di creare una sedia in legno talmente comoda da non aver bisogno di alcun rivestimento”, ha commentato Jasper Morrison.
Milano Design Week
La performance di Stefano Colferai per Nike

News
La terza edizione di Open House Milano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”