Credits: Sawaya & Moroni
Credits: Sawaya & Moroni
Credits: Sawaya & Moroni
Credits: Sawaya & Moroni
Milano Design Week

Mew: l’ultima opera di Zaha Hadid

Un piccolo pezzo di eredità di Zaha Hadid.

In occasione del Salone del MobileSawaya & Moroni ha presentato uno degli ultimi pezzi disegnati prima della morte improvvisa dell’architetto britannico di origine irachena.

Due blocchi di poliuretano si intrecciano per dare visivamente l’idea di incastro; Mew è un tavolo dalle forme sinuose che poggia su due gambe di dimensioni diverse e in tre varianti di colore: rosso, nero o bianco.

Dal design intrigante, il prodotto gode di una certa eleganza trasmessa attraverso una leggera sensazione di movimento che riesce a suscitare.

Una vena orizzontale rappresenta l’incontro di due piani che si abbracciano e danno vita a una particolare postura: un’opera che solo Zaha Hadid sarebbe stata in grado di ideare.

Perfetto per la cucina o come postazione da lavoro, il tavolo è il prodotto del rapporto tra l’architetto e i protagonisti dell’azienda italiana di arredi: una collaborazione longeva, espressa dalle prime opere – la Mata Ray e la Z chair.

Mew è probabilmente la sua ultimissima opera, prestata al mondo del design e portata alla luce solamente in occasione del Salone di quest’anno.

News
Festival on Festival: le foto della serata di inaugurazione
Milano Design Week
Fendi Casa presenta le nuove lampade Velum
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento