Credits: Wanted Design
NYC Design

Le novità di Wanted Design 2016

Alessandro Mitola

Giunto alla sua sesta edizione, torna a New York Wanted Design, appuntamento interamente dedicato al design fondato da Odile Hainaut e Claire Pijoulat nel 2011.

Come consuetudine, l’evento si svolgerà nell’ambito di di NYCxDesign, con una serie di esposizioni, dibattiti e workshop distribuiti tra l’isola di Manhattan, dal 13 al 16 maggio, e Brooklyn, dal 7 al 17 maggio.

Con oltre 170 espositori, Wanted Design si configura come un incubatore di idee e progetti, che quest’anno includerà espositori provenienti da Argentina, Messico, Polania, Quebec, Tunisia, Norvegia, Francia e Olanda.

«A distanza di cinque anni, possiamo affermare di aver raggiunto un traguardo significativo, promuovendo il design a 360 gradi sul territorio americano. Il nostro obiettivo per il 2016 è compiere un ulteriore passo avanti. Wanted Design ha innegabilmente conferito valore aggiunto a New York e dato vita a un nuovo genere di appuntamento: meta fondamentale per il business e la cultura, ma anche luogo dove fare network. Un appuntamento dal respiro internazionale che va ben oltre l'aspetto meramente espositivo», spiegano Odile Hainaut e Claire Pijoulat.

Tra gli highlights di questa edizione, nel cuore di Manhattan spicca Conversation Series: dal 14 al 16 maggio sarà l’occasione per confrontarsi su temi come design e scienza, design e identità e il futuro del fare.

Launch Pad, invece, darà voce a una serie di giovani talenti provenienti da 13 paesi, che presenteranno in anteprima i loro prototipi.

American Design Honors è il premio dedicato ai talenti emergenti americani del design, che quest’anno viene conferito a Steven Haulenbeek, progettista di base a Chicago e fondatore dello studio interdisciplinare che porta il suo nome specializzato in complementi d’arredo, illuminazione e oggetti per la casa.

Mentre nella sede di Brooklyn si terrà Design Schools Workshop, un allestimento con i progetti di 27 studenti iscritti a 6 scuole di design americane, che si si confronteranno con il tema del Playfulness.

Tra gli espositori internazionali che aderiscono al progetto, troviamo aziende di primo punto come Moroso, Cappellini, Alessi, Bernhardt Design, David Trubridge, Blackbody, Alpi, Axor+Hangrohe, Fermob, Iittala ed Ercol. 

Credits: Wanted Design
Credits: Wanted Design
Credits: Wanted Design
Credits: Wanted Design
Credits: Wanted Design
Credits: Wanted Design
Credits: Wanted Design
Credits: Wanted Design
Milano Design Week
Porte di design: le novità Lualdi per il 2016
Places
MANIERA Gallery, ovvero l'intersezione tra arte e architettura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto