Alejandro Aravena - Credits: Ph. Sergio Lopez
News

Alejandro Aravena ospite alla Triennale di Milano

Milano Design Film Festival

Milano Design Film Festival insieme alla Triennale di Milano ha invitato a Milano l’architetto cileno Alejandro Aravena, Pritzker 2016 e direttore della 15. Biennale di Architettura di Venezia.

Lunedì 18 luglio alle ore 18, presso la Triennale di Milano (Salone d’Onore), ci sarà l’evento A talk with Alejandro Aravena.

Seguendo l’approccio teorico e progettuale dell’architetto cileno e del suo studio Elemental, all’incontro è richiesta la partecipazione e il coinvolgimento diretto del pubblico. Per questo dal sito di Milano Design Film Festival (milanodesignfilmfestival.com) oppure via email ([email protected]) è possibile inviare le domande che gli saranno riportate durante il talk.

In occasione della presentazione delle linee guida della Biennale di Venezia dal tema Reporting from the front, Aravena ha affermato: «Il concetto di qualità della vita si estende dai bisogni fisici primari alle dimensioni più astratte della condizione umana. Ne consegue che migliorare la qualità dell’ambiente edificato è una sfida che va combattuta su molti fronti, dal garantire standard di vita pratici e concreti all’interpretare e realizzare desideri umani, dal rispettare il singolo individuo al prendersi cura del bene comune, dall’accogliere lo svolgimento delle attività quotidiane al favorire l’espansione delle frontiere della civilizzazione».

Milano Design Film Festival gli ha chiesto di approfondire queste tematiche e di estendere la riflessione alla situazione delle periferie europee, oggi teatro di importanti criticità a causa anche delle forti e imponenti migrazioni.

Per alimentare il dibattito, MDFF con la casa di produzione Micropunta ha inoltre realizzato un breve video di 10’ a cura di Porzia Bergamasco, Cuts on suburbs (Tagli di periferie).

«L'attenzione è focalizzata sull'Europa. Partendo dagli ultimi eventi di Calais, passando dal caso positivo del gruppo di lavoro G124 del Senatore a vita architetto Renzo Piano sulla trasformazione delle periferie» – afferma Porzia Bergamasco – «il montaggio tocca i temi più scottanti che riguardano le città europee contemporanee. Dalle promesse non mantenute della visione modernista del Secondo dopoguerra, alle ragioni finanziarie dell'epoca contemporanea, fino ai grandi progetti esclusivi, fruibili per pochi. Nelle voci dei cittadini, fra disagio ed emarginazione, leggiamo la richiesta di un’abitabilità dignitosa che possa rispondere alla spinta della globalizzazione, alla pressione dell’immigrazione e, soprattutto, al diritto di avere una casa.»

News
La nuova scuola di cucina KitchenAid
Places
Rio 2016: cosa vedere durante i Giochi Olimpici
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto