Alessandro Mendini, installazione per l'Appartamento N.50 nell'Unité d'Habitation di Le Corbusier, Marsiglia, 2016. - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
News

Alessandro Mendini arreda un appartamento de La Cité Radieuse di Le Corbusier

Il noto designer italiano Alessandro Mendini è stato invitato ad arredare uno degli appartamenti che compongono la celebre Cité Radieuse di Le Corbusier a Marsiglia, opera architettonica tra le più famose al mondo.

Di proprietà di Jean-Marc Drut e Patrick Blauwart, l’Appartamento n.50 de La Cité Radieuse dal 2008 espone al pubblico, durante il periodo estivo, i lavori di alcuni designer di fama mondiale chiamati a dialogare con gli spazi dell’Unité d’Habitation.

Il progetto nasce dalla volontà di creare un legame tra l’eredità architettonica di Le Corbusier e le tendenze più innovative del design contemporaneo. Per tale motivo, ogni anno, i due proprietari invitano un designer a ripensare lo spazio e i suoi interni convertendo di fatto l’appartamento da luogo domestico a galleria di design aperta al pubblico.

L’allestimento di Alessandro Mendini per l’Appartamento n.50 è un intervento estremamente delicato, rispettoso della storia e dell’importanza culturale che l’edificio riveste. L’architetto italiano ha scelto di non stravolgere lo spazio ma di lasciare al proprio posto tutti gli arredi dell’appartamento.

Coerentemente con la storia di Cité Radieuse, che rappresentava nell’idea di Le Corbusier uno spazio urbano chiuso ma funzionale, Alessandro Mendini ha voluto ricreare una sorta di Wunderkammern colma di piccoli oggetti a lui cari disseminati nello spazio.

L’architetto ha scelto di accostare ai decori già esistenti alcuni dei suoi oggetti più iconici come la Proust Armchair del 1978, la Caffettiera del 1980, la lampada Amuleto del 2015 e i tappeti creati per Joseph Carini.

Ha, inoltre, selezionato otto tonalità usate nell’edificio e con queste ha dipinto altrettanti totem realizzati in ceramica che ha collocato sulla balaustra che sporge sul soggiorno sottostante con l’intento di creare una sorta di diaframma per modulare la luce solare.

Sarà possibile visitare l'intervento di Mendini per l’Appartamento n.50 fino al 13 agosto.

Alessandro Mendini, installazione per l'Appartamento N.50 nell'Unité d'Habitation di Le Corbusier. Tappeto Earthquake (Joseph Carini Carpets), lampada da terra Amuleto e una miniatura dorata della Poltrona Proust. - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
La scultura in ceramica Tigre dalla collezione personale di Mendini - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
Alessandro Mendini, installazione per l'Appartamento N.50 nell'Unité d'Habitation di Le Corbusier. Dettagli - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
Alessandro Mendini, installazione per l'Appartamento N.50 nell'Unité d'Habitation di Le Corbusier. Dettagli - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
Alessandro Mendini, installazione per l'Appartamento N.50 nell'Unité d'Habitation di Le Corbusier. Dettagli - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
Gli otto Totem Corbu disegnati da Mendini per la mostra. Dettaglio della balaustra - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
Gli otto Totem Corbu disegnati da Mendini per la mostra. - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
Alessandro Mendini, installazione per l'Appartamento N.50 nell'Unité d'Habitation di Le Corbusier, Marsiglia, 2016. - Credits: © Philippe Savoir & FONDATION LE CORBUSIER/ ADAGP
Products
Pouf di design: i protagonisti del living
Storytelling
Le architetture dei tribunali italiani
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

Zaha Hadid Architects reinterpreta un classico di Hans J. Wegner

La celebre seduta firmata dal progettista danese nel 1963 si rifà il look, optando per un connubio di pietra e compositi in fibra di carbonio
Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Garage Morelli è il più bel parcheggio del mondo


Si trova a Napoli, per la precisione nel quartiere di Chiaia, ed è costruito all’interno di una cava di tufo su sette livelli
Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Chip Kidd: noi, in questo mondo di (super)eroi

Un’ossessione da collezionista per Batman. E per i mobili di Eileen Gray. Il più acclamato designer editoriale al mondo rivela le sue passioni e ispirazioni
Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

Un laboratorio aperto all’Asilo Sant’Elia di Como

L’architettura firmata dal progettista comasco Giuseppe Terragni ospita le opere di 18 giovani artisti. Per un solo giorno: giovedì 19 luglio dalle 16.00 alle 22.00
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale