Alexander Girard ritratto nel suo studio, 1950 - Credits: Charles Eames
News

Alexander Girard e il suo universo in mostra al Vitra Design Museum

Alessandro Mitola

Alexander Girard. A Designer’s Universe è il titolo della mostra che animerà il Vitra Design Museum di Weil am Rhein dal 12 marzo al 29 marzo 2017.

Si tratta della prima esposizione dedicata ad Alexander Girard, prolifico designer di tessuti ed architetto d’interni tra i più significativi del XX secolo. Passione per i colori, ornamenti e arte popolare internazionale contraddistinguono l’operato multidisciplinare di Girard.

Nato a New York e cresciuto a Firenze, Alexander Girard ha vissuto tra Londra, New York, Detroit, Grosse Pointe, Santa Fe e New Mexico. Tra il 1920 e il 1970 ha contribuito alla progettazione di interni per importanti ristoranti e dato vita a più di 300 disegni per tessuti, la maggior parte dei quali per l’azienda americana Hermann Miller, dove fu nominato direttore del reparto tessile nel 1951. Girard collaborò anche con Braniff International Airways e John Deere, svolgendo diverse attività: dall’architettura d’interni al design dei tessuti, passando per la tipografia e il design d’arredo.

Tra le opere più importanti firmate da Girard ci sono i progetti di interior design per la casa Irwin Miller a Columbus, in Indiana, quelli per la sua propria abitazione a Santa Fe e quelli relativi ai leggendari ristoranti newyorkesi Fonda Del Sol e L'Etoile, meta amata da anche da Andy Warhol. Di formato ridotto, ma probabilmente il segno distintivo più conosciuto dell'artista fino ad oggi, è sicuramente la grafica Love.

La mostra, curata da Jochen Eisenbrand, si dipana attraverso tessuti, mobili, modelli, oggettistica, interni, documenti privati e disegni inediti. Parallelamente mette l’accento sull’universo creativo del progettista, mettendo in scena la sua grande collezione di arte popolare e le collaborazioni con maestri del design come Charles & Ray Eames o Eero Saarinen.

Miller Cottage, Muskoka, Ontario, 1950-1952 - Credits: Balthazar Korab - Courtesy of The Library of Congress
Miller House, Indiana, USA, 1953-1957 - Credits: Balthazar Korab - Courtesy of The Library of Congress
Il ristorante La fonda del Sol, New York, 1960 - Credits: Louis Reens
Una scatola di fiammmiferi disegnata da Alexander Girard per il ristorante La Fonda del Sol
Textiles & Objects Shop, New York, 1961 - Credits: Alexander Girard
Corporate design per Braniff International Airways a cura di Alexander Girard - Credits: Alexander Girard
Cocktail Lounge L'Étoile, 1966 - Credits: Charles Eames, Alexander Girard
Una seduta disegnata da Alexander Girard per Herman Miller - Credits: Jürgen Hans
Environmental Enrichment Panels, 1971 - Credits: Charles Eames, Alexander Girard Estate
Veduta della mostra 'The Design Process at Hermann Miler,' Walker Art Center, Michigan, 1975 - Credits: Alexander Girard Estate, Vitra Design Museum
Scatoloni organizzati ed etichettati da Alexander Girard - Credits: Andreas Sütterlin
News
Kartell apre il primo store monomarca a Londra
News
Studio Formafantasma in mostra presso Peep-Hole
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata