La piazza in Apple Piazza Liberty è aperta al pubblico 24 ore al giorno e ospiterà eventi speciali nell’arco dell’anno
La fontana di vetro funge anche da ingresso all’area del negozio e da sfondo all’ampio anfiteatro esterno
L'interno del nuovo Apple Store di Milano richiama gli interni dei monomarca presenti in tutto il mondo
Il personale del negozio include 230 dipendenti
News

Il nuovo Apple Store a Milano

«Uno spazio aperto a tutti dove fare una pausa, trovarsi con gli amici, scoprire nuovi interessi». Si configura così il nuovo Apple Store di Milano che dopo oltre un anno di lavori ha visto finalmente la luce, dando un nuovo volto a Piazza Liberty, a due passi dal Duomo e da corso Vittorio Emanuele.

Con la firma dello studio di Sir. Norman Foster, il monomarca prende il posto del cinema ipogeo Apollo, che ha chiuso i battenti nel gennaio 2017, trasformando l’assetto urbano della piazza attraverso un anfiteatro dove al centro è collocata una grande fontana in vetro che funge da ingresso.

Dopo aver disceso una scala a sbalzo, in pietra e metallo, ci si immerge nel negozio, che negli interni richiama gli store di Apple presenti in tutto il mondo, tra ampi tavoli in legno e iPhone, iPad e MacBook meticolosamente ordinati.

La nuova piazza, rivestita in pietra di Beola Grigia, sarà aperta al pubblico 24 ore su 24 e ospiterà eventi speciali tutto l’anno, circondata da 14 alberi di Gleditsia Sunburst.

L’apertura al pubblico del nuovo Apple Store meneghino è in programma giovedì 26 luglio alle ore 17.00, giornata in cui per l’occasione prenderà il via il progetto Cosa farai domani Milano?, dove ventuno artisti condivideranno la loro visione sul futuro creativo della città.

Products
Ugo La Pietra e Ceramiche Rometti: la nuova collezione
Places
A Milano nasce la Centrale dell’Acqua
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Bijoy Jain: "L’architettura è un mezzo attraverso cui esprimo il lavoro"

Il fondatore di Studio Mumbai fa dello strumento creativo una libera scelta. Attraverso l’architettura, la creazione di arredi e l’arte, lavora solo a una condizione: prendere il tempo necessario per fare ricerca e pensare
I cinque articoli più letti del 2018

I cinque articoli più letti del 2018

Le nuove aperture tra design, arte e food; le novità in fatto di sedute, lampade e tavoli; le tendenze per l’arredo bagno. Ecco la classifica degli contenuti più letti durante l’anno
Museo Ferrari: raccontare il mito

Museo Ferrari: raccontare il mito

In occasione del 120° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, il museo di Maranello presenta due mostre che ripercorrono la storia dell'azienda. Ma non solo: anche un restyling del museo firmato Benedetto Camerana
Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Nasce da un’idea del gruppo alberghiero francese AccorHotels, con il progetto del designer francese. Per montarlo basta mezza giornata
Arredare con il legno

Arredare con il legno

Tavoli, tavolini, sedie, sgabelli e molto altro. Da scoprire nel servizio fotografico di Jeremias Morandell con il set design di Martina Lucatelli