Alessandro Mendini, ST, 1986, nitro su tela - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
News

Arduino Cantafora e Alessandro Mendini in mostra a Milano

Alessandro Mitola

Architetti, artisti e scrittori, due anime del Postmoderno. Arduino Cantafora e Alessandro Mendini, nella mostra Cose, case, città ospitata da Antonio Colombo Arte Contemporanea, si cimentano in un serrato confronto di stili, linguaggi e ossessioni antitetiche.

L’esposizione, curata da Ivan Quaroni e visibile fino al prossimo 19 maggio, raccoglie opere di diversi periodi, dagli anni Ottanta a oggi, che incarnano aspetti diversi, anche contrapposti, della cultura visiva postmoderna al confine tra arte e architettura.

Arduino Cantafora, allievo e collaboratore di Aldo Rossi fino al 1978, ma con un background che affonda le radici nell’interesse scientifico per una lucida e razionale riproduzione realistica, presenta alcuni dipinti di vedute di città silenti della serie Domenica Pomeriggio, insieme alle composizioni complesse dei Teatri di Città, e una selezione di opere più piccole dedicate a scorci di interni.

Di Alessandro Mendini, invece, sono esposte opere su tavola e tela, dipinte con una vernice alla nitro, oggetti e prototipi, accanto a una serie di disegni realizzati negli ultimi anni. Opere inserite in un wallpainting policromo site specific.

Cose, casa, città è un’occasione per approfondire l’operato di due protagonisti della cultura progettuale italiana, tra arte e architettura.

Alessandro Mendini, Senza Titolo, 1996, nitro su legno - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Alessandro Mendini, 1986, ST, nitro su legno - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Alessandro Mendini, Senza Titolo, 1996, nitro su legno - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Alessandro Mendini, Documenta Kassel 8, 1987, tempera su tela - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Alessandro Mendini, Senza Titolo, 1996, nitro su legno - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Alessandro Mendini, Six Giovanni Scacchi, 2013, scultura in Plexiglas, prototipo. Edizione in 9 esemplari - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Alessandro Mendini, Oggetto Banale, cafettiera, scultura, 1980. Edizione di 12 esemplari - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Arduino Cantafora, Domenica pomeriggio IV, 2006, vinilico e olio su tavola - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Alessandro Mendini, 1986, ST, nitro su legno - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Arduino Cantafora, Teatri di città II, 2014, vinilico e olio su tavola
A. Cantafora, Teatri di città I, 2014, vinilico e olio su tavola, cm 80x120 - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Arduino Cantafora, Le Venezie possibili, 2014, vinilico e olio su tavola - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Arduino Cantafora, Domenica, 2006, vinilico e olio su tavola - Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Credits: Antonio Colombo Arte Contemporanea
Places
Nuova sede a New York per la Carpenters Workshop Gallery
Milano Design Week
I Raw Edges sbarcano a Milano con Herringbones
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi