Bauhaus Dessau, 1926 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
Brocca e posacenere disegnati da Marianne Brandt, 1924 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
Monaco ortodosso, Monastero di Praskvica, Yugoslavia,1930 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
Walter Gropius, 1926 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
News

Il Bauhaus attraverso la lente di Lucia Moholy

Alessandro Mitola

L’edizione 2016 di PHotoEspaña, annuale forum internazionale di fotografia di casa a Madrid, si apre con una delle voci più rilevanti della fotografia modernista: Lucia Moholy.

Lucia Moholy, A Hundred Years è il titolo della mostra promossa da Fondazione Loewe, che dal prossimo 1 giugno al 30 agosto prenderà forma nella capitale spagnola, con la curatela di María Millán.

Fotografa, scrittrice e storica. Una vera e propria intellettuale impegnata. Lucia Moholy, nata a Praga nel 1894, si unì all’Università del Bauhaus nel 1923 in seguito al matrimonio con l’artista ungherese László Moholy.

Ben presto, iniziò a documentare le attività artistiche e di design dell’accademia in una serie di straordinarie fotografie, che le valsero il ruolo di fotografa ufficiale dell’istituzione fino al 1928.

Ritratti di colleghi e amici del Bauhaus, scatti di esterni e interni della struttura che comprendono i panorami del nuovo edificio di Dessau. Ma anche immagini che illustrano i prodotti creati all’interno dei laboratori della scuola sposando puro design e funzionalità.

Quello promosso da Loewe è un percorso tra primi piani, chiaroscuri, angolature inconsuete e tecniche fotografiche considerate insolite per il tempo, che regalano una tensione compositiva e una complessità grafica con cui Lucia Moholy ha anticipato i futuri sviluppi modernisti.

«Pensando ad un artista per l’edizione 2016 del festival, la scelta è stata naturale quando abbiamo analizzato l’opera di Moholy. È una donna e un personaggio affascinante e la mostra si sofferma sul suo calibro di pensatrice e artista. Che stia fotografando una persona o un oggetto, l'importanza che Moholy attribuisce a linee, luce e texture risulta evidente. Questo è ciò che la rende attuale e che crea un connubio perfetto con Loewe, una maison fondata sul design e la tecnica», spiega Jonathan Anderson, direttore creativo di Loewe.

Milano Design Week
Bross, la collezione firmata Giulio Iacchetti e Michael Schmidt
NYC Design
A New York una mostra celebra l’universo di Artek
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata