Bernard Dubois & Isaac Reina - Maniera Gallery - Installation view - Credits: Foto: Jeroen Verrecht - Courtesy of MANIERA
Bernard Dubois & Isaac Reina - Maniera Gallery - Installation view - Credits: Foto: Jeroen Verrecht - Courtesy of MANIERA
Bernard Dubois & Isaac Reina - Maniera Gallery - Installation view - Credits: Foto: Jeroen Verrecht - Courtesy of MANIERA
Bernard Dubois & Isaac Reina - Maniera Gallery - Installation view - Credits: Foto: Jeroen Verrecht - Courtesy of MANIERA
Bernard Dubois & Isaac Reina - Maniera Gallery - Installation view - Credits: Foto: Jeroen Verrecht - Courtesy of MANIERA
Bernard Dubois & Isaac Reina - Maniera Gallery - Installation view - Credits: Foto: Jeroen Verrecht - Courtesy of MANIERA
News

Bernard Dubois & Isaac Reina da MANIERA Gallery a Bruxelles

A Bruxelles, fino al 9 maggio 2020, MANIERA Gallery mette in scena il sodalizio tra l'architetto belga Bernard Dubois e il designer spagnolo Isaac Reina. Il primo è diventato celebre per aver co-curato il Padiglione Belga alla Biennale Architettura di Venezia nel 2014 e per aver firmato lo store di Aesop di Bruxelles, il secondo ha lavorato per anni come Design Assistant da Hermès e dal 2006 dirige il suo brand di borse e accessori in pelle. Entrambi sono noti per il loro design minimalista ed elegante, spogliato di ogni dettaglio superfluo.

Dalla loro collaborazione artistica è nata una collezione di otto oggetti - un paravento, una scrivania, un tavolo pieghevole, un tavolo basso, due sedie e una lampada – realizzati attraverso lavorazioni tradizionali.

Materiali di elezione sono il legno, la pelle naturale e la pelle laccata nera. Per Isaac Reina, la pelle è un materiale vivo: è sensibile alla luce e al tempo, invecchia e sviluppa un carattere tutto suo. Insieme a Dubois ha scelto di far emergere le sue caratteristiche legate alla flessibilità, al calore e alla morbidezza. Tutte qualità che partecipano al gioco geometrico di linee rette e curve che caratterizza gli otto oggetti.

Il risultato è una linea di arredi semplici ed essenziali: una collezione che unisce ratio e sentimento – come tengono a sottolineare i suoi creatori – e che gioca con superfici, linee, volumi e prospettive grafiche, facendo riferimento all'opera dell'architetto giapponese Kazuo Shinohara e degli artisti Ellsworth Kelly e Imi Knoebel.