Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Marchand Meffre
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Marchand Meffre
Credits: Ph. Marchand Meffre
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Takuji Shimmura
Credits: Ph. Takuji Shimmura
News

La Biblioteca Nazionale di Francia torna al suo splendore

Le operazioni della prima fase di restauro del Quadrilatero Richelieu, durate sette anni, si sono concluse ed è finalmente possibile accedere alla Biblioteca Nazionale di Francia.

La prestigiosa biblioteca parigina situata nel secondo arrondissement offre un rifugio sicuro per oltre 14milioni di libri, manoscritti, stampe, fotografie, cartine e planimetrie, spartiti, monete, medaglie, documenti audio e video, ma anche supporti multimediali e costumi.

La gestione generale dell’intervento, finanziato all'80 per cento dal Ministero della Cultura, è stata affidata allo studio di architettura Bruno Gaudin, mentre il restauro della Salle Labrouste a Jean François Lagneau, architetto capo della Sopritendenza ai Monumenti Storici. Un'operazione costata 232 miloni di euro che restituisce ai cittadini francesi non solo un luogo di consultazione, ma un vero e proprio tempio della conoscenza e del sapere.

Dopo una lunga analisi sul campo, Bruno Gaudin ha elaborato il progetto mettendo in evidenza le qualità intrinseche dell’edificio, coniugando ecessità funzionali di oggigiorno. I lavori di restauro sono stati divisi in due fasi: una scelta voluta per facilitare la creazione del cantiere e allo stesso tempo consentire l’apertura parziale della libreria sul lato di Rue Vivienne. La seconda fase di riqualificazione del Quadrilatero Richelieu si concluderà nel 2020.