HMK 56, la due ruote disegnata da Ralf Kittmann, 2007 - Credits: Ralf Kittmann
News

Le bici del futuro

Alessandro Mitola

Bike to the Future è il titolo della nuova rassegna promossa dal Design Museum Gent in collaborazione con la IMF Foundation: uno sguardo a 360 gradi sull’universo della bicicletta e sulla sua evoluzione.

Una rassegna a cura di Elisabetta Pisu, Evelien Bracke e Thomas Wittouck, che raccoglie una selezione di progetti nati dalla matita dei più importanti progettisti internazionali, che nell’ultima decade hanno brillantemente reinterpretato la due ruote.

Dalla bicicletta elettrica messa a punto da Philippe Starck alla Bamboo firmata Ross Lovegrove, passando per la due ruote pieghevole senza raggi progettata da Gianluca Sada.

Il museo belga presenta un excursus tra prototipi e concept, risultato di un processo alchemico tra design, artigianato e tecnologia. E ancora, accessori come caschetti luminosi muniti di airbag, luci magnetiche, antifurti tecnologici e sistemi di navigazione smart.

Parallelamente, fino al prossimo 23 ottobre, Bike to the Future accoglie una sezione dedicata alla mobilità e alla sicurezza stradale, con particolare attenzione ai segni di trasformazione del tessuto urbano finalizzati a recepire strutture sostenibili.

Il prototipo disegnato da Paul Timmer, 2015 - Credits: Design museum Gent
MASS, la bicicletta elettrica firmata Phillippe Starck, 2014 - Credits: Phillippe Starck
77/011 Metropolitan, la bicicletta Rizoma in fibra di carbonio e alluminio, 2015 - Credits: Rizoma
Alérion, la bicicletta di Keim Cycles, 2014 - Credits: Keim Cycles
Biolove, il prototipo disegnato da Ross Lovegrove per Biomega, 1997-1998 - Credits: Ross Lovegrove
Kangaroo, il prototipo disegnato da Riccardo Randi, Andrea Sangalli, ed Edoardo Ferrari (IT), 2015 - Credits: Riccardo Randi, Andrea Sangalli, Edoardo Ferrari
La sere Mia, la bicicletta in carbonio di Cinelli, 2013 - Credits: x
Sada Bike, la bicicletta pieghevole disegnata da Gianluca Sada, 2014 - Credits: Gianluca Sada
STRiDA, la bicicletta disegnata da Mark Sanders, 2015 - Credits: Mark Sanders
Ele, la bicicletta disegnata da Mojtaba Raeisi, 2016 - Credits: Mojtaba Raeisi
KleinLaster, il prototipo Nele Dittmar, 2016 - Credits: Nele Dittmar
FLIZ, il prototipo disegnato da Tom Hambrock e Juri Spetter, 2010 - Credits: om Hambrock e Juri Spetter
WooBi, la city bike disegnata da Matteo Zugnoni, 2015 - Credits: Matteo Zagnoni
Storytelling
Jacques Tati e l'arte della scenografia
News
Caimi Brevetti presenta Snowsound, tra suono e design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto