Fossile del 2000, 1958, componenti elettroniche e materiali metallici vari immersi in resina trasparente - Credits: Bruno Munari - Fondazione Plart
Vetrini a luce polarizzata, 1953, materiali vari - Credits: Bruno Munari - Fondazione Plart
Vetrini a luce fissa, 1950, materiali vari - Credits: Bruno Munari - Fondazione Plart
Vetrini a luce polarizzata, 1953, materiali vari - Credits: Bruno Munari - Fondazione Plart
News

Un inedito Bruno Munari in mostra a Napoli

C’è tempo fino al 20 marzo 2019 per visitare la mostra Bruno Munari. I colori della luce in scena al Museo Plart di Napoli, a cura di Miroslava Hajek e Marcello Francolini, e realizzata dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee.

L'esposizione si concentra su un aspetto inedito del lavoro di Munari. E lo fa presentando un corpo di opere che comprende le Proiezioni a luce fissa e le Proiezioni a luce polarizzata, realizzato negli anni Cinquanta del secolo scorso e presentato per la prima volta nel 1953 a Milano nello studio di architettura B24 e successivamente nel 1955 al MoMA di New York, poi a Roma, Tokyo, Stoccolma, Anversa, Zurigo, Amsterdam.

Le Proiezioni a luce fissa e le Proiezioni a luce polarizzata sono parte di una ricerca volta a conquistare una nuova spazialità oltre la realtà bidimensionale dell’opera. Bruno Munari lavorava sul processo di smaterializzazione dell’arte attraverso l’uso di proiezioni di diapositive intitolate Proiezioni Dirette: composizioni con materiali organici, pellicole trasparenti e colorate in plastica, pittura, retini, fili di cotone fermati fra due vetrini.

La mostra mette in luce la variegata produzione artistica di Bruno Munari ed è frutto della ricerca condotta dalla Fondazione Plart, che ha svolto un meticoloso lavoro scientifico di digitalizzazione dei vetrini che sono proiettati in specifici ambienti della mostra, insieme ad altre opere come Macchina Inutile (1934), Tavola Tattile (1938), Macchina Aritmica (1947) e Concavo-Convesso (1947).

News
Quali sfide attendono le città del futuro?
News
A Courmayeur, nel nuovo pop-up store di Bang & Olufsen
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Ad Ancona, una mostra per raccontare il paesaggio storico, umano e naturale sconvolto dal sisma del 2016. Protagonisti Olivo Barbieri, Paola De Pietri e Petra Noordkamp
Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Per il suo debutto con Flos, il designer giapponese Oki Sato ha disegnato un frame che inquadra, seleziona e illumina i paesaggi domestici
Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Sarà una delle destinazioni must dell'anno nuovo. Come Capitale Europea della Cultura, Matera si prepara ad accogliere un caleidoscopio di eventi. Ecco dove iniziare a prenotare
Una finestra sul lago di Como

Una finestra sul lago di Como

Siamo nella villa dove Gino Sarfatti trascorse gli ultimi anni di vita. E dove i suoi discendenti oggi passano i loro momenti di relax circondati dal design luminoso di cui fu protagonista assoluto
L’universo Olivetti in mostra a Torino

L’universo Olivetti in mostra a Torino

Una selezione di 70 scatti d’autore per conoscere la storia di Olivetti: da Ugo Mulas ad Alberto Fioravanti, da Giorgio Colombo a Tim Street-Porter. Fino al prossimo 24 febbraio