Il nuovo museo ADAM di Bruxelles - Credits: ADAM - Christophe Licoppe / Befocus
La macchina da scrivere Valentine, progettata per Ettore Sottsass per Olivetti nel 1969 - Credits: Art & Design Atomium Museum (ADAM) - Elie Leon
L'appendiabiti Cactus di Guido Drocco e Franco Mello del 1972 - Credits: Art & Design Atomium Museum (ADAM) - Elie Leon
La sedia universale di Joe Colombo del 1965, prodotta da Kartell dal 1967 - Credits: Art & Design Atomium Museum (ADAM) - Elie Leon
Electric Plug, una scultura ironica di Peter Klasen del 1971 - Credits: Art & Design Atomium Museum (ADAM) - Elie Leon
La sedia Cantilever di Verner Panton, una rivoluzione nel 1967 che rifiuta le quattro gambe e i materiali della sedia tradizionale - Credits: Art & Design Atomium Museum (ADAM) - Elie Leon
Un'opera di César del 1970 - Credits: Art & Design Atomium Museum (ADAM) - Elie Leon
La poltrona LCP di Maarten van Severen, prodotta da Kartell nel 2002 - Credits: Art & Design Atomium Museum (ADAM) - Elie Leon
Il nuovo museo ADAM di Bruxelles - Credits: ADAM - Christophe Licoppe / Befocus
Il nuovo museo ADAM di Bruxelles - Credits: ADAM - Christophe Licoppe / Befocus
Il nuovo museo ADAM di Bruxelles - Credits: ADAM - Christophe Licoppe / Befocus
La scala del nuovo museo ADAM di Bruxelles, opera di Jean Nouvel - Credits: ADAM - Christophe Licoppe / Befocus
News

A Bruxelles un nuovo museo dedicato al design

Si chiama Plasticarium la straordinaria collezione di oggetti di design in plastica esposta presso l’ADAM - Art & Design Atomium Museum, il nuovo museo del design di Bruxelles. Con i suoi 2.000 pezzi è la  più grande collezione del suo genere in Europa e la seconda più grande al mondo. Include oggetti di uso quotidiano dagli anni 60 a oggi di designer come Joe Colombo e Verner Panton, ma anche importanti opere d'arte di artisti di fama internazionale come César e Arman.

Il nuovo museo si trova a pochi passi dall'Atomium, il noto monumento in acciaio costruito in occasione dell'Esposizione Universale del 1958. Ed è proprio il dipartimento esposizioni di questo monumento a essersi fatto promotore dell'iniziativa. Il nucleo della raccolta è stato messo insieme da Philippe Decelle, che ha iniziato a collezionare negli anni 80.

Oltre alla collezione permanente, l'ADAM ospita anche mostre temporanee dedicate all'arte e al design del XX secolo e di oggi. Degna di nota è la scala esterna dell'edificio, opera di Jean Nouvel, architetto, urbanista e designer che ha dichiarato: "Non faccio nessuna differenza quando disegno una sedia e quando invece penso a un'architettura; credo piuttosto che ogni singolo progetto necessiti di un'idea di design totale. A ogni domanda posta, cerco l’oggetto 'elementare', la cui forma finale possa corrispondere 'all'essenza' dell'idea. Questa risposta deve essere adeguata e unica, la testimonianza culturale e tecnica sia della nostra epoca, che della nostra civiltà".

(Ha collaborato Chiara Parise)

Storytelling
Richard Sapper, Maestro del gusto contemporaneo
News
Premio Pritzker 2016: vince Alejandro Aravena
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi