Credits: Ph. Alessandro Penso
Un estratto dello spettacolo 'Phantasmagorica'
Un estratto dello spettacolo 'Phantasmagorica'
News

Carte Blanche a Palazzo Grassi di Venezia

Milano Design Film Festival

A Venezia per un weekend tra arte e musica. Torna Carte Blanche, il format di Palazzo Grassi, in collaborazione con Enrico Bettinello, che invita i protagonisti della scena musicale e teatrale attuale a presentare interventi appositamente concepiti per gli spazi della Pinault Collection a Venezia.

Da venerdì 21 a domenica 23 aprile, il Teatrino di Palazzo Grassi offre “carta bianca” al musicista e compositore italiano Teho Teardo, artista tra i più apprezzati nel panorama europeo, che darà prova della sua grande poliedricità presentando due interventi molto diversi tra loro: l’installazione site specific Sea Change e la performance Phantasmagorica.

L’installazione sonora Sea Change, nel foyer del Teatrino di Palazzo Grassi, rende omaggio al tema affrontato dalla grande mostra di Damien HirstTreasures from the Wreck of the Unbelievable a cura di Elena Geuna e alla città che la ospita. Si tratta infatti di un grande fondale sonoro in continua evoluzione, composto dalle registrazioni dei suoni che animano gli oscuri abissi del mare che cinge Venezia e dai rumori che risuonano nell’atrio dell’auditorium del Teatrino progettato da Tadao Ando. Accenni di vite marine, anime sommerse e incrostazioni coralline saranno evocate con scenari vocali ogni volta differenti, conducendo il pubblico lungo l’esplorazione delle manifestazioni misteriose che da millenni caratterizzano la Laguna veneziana. L’installazione sarà visitabile gratuitamente nel foyer del Teatrino da venerdì 21 a domenica 23 aprile, dalle 10.00 alle 19.00.

Sabato 22 aprile alle ore 20.00, in replica alle ore 21.30, ci sarà il concerto Phantasmagorica di Teho Tealdo e MP5 che vede la partecipazione straordinaria di Abel Ferrara. La fantasmagoria è un’antica forma di intrattenimento teatrale, nata nel XVIII secolo, che impiegava un sistema funzionante secondo la logica della lanterna magica, per proiettare immagini e generare effetti illusionistici. Questo “cinema prima del cinema” rivive nell’incontro fra le animazioni dell’artista italiana MP5 e la musica di Teho Teardo. I due artisti tracciano una messa in scena corale, fatta di apparizioni improvvise ed elementi ipnotici: mentre MP5 irradia figure nel nero assoluto, Teardo manipola dal vivo il suono, disegnando per ogni rappresentazione una partitura sempre nuova dai contorni magici e inquietanti. Maestro di cerimonie, unico corpo e voce nello spettacolo, il regista statunitense Abel Ferrara accompagnerà lo spettatore nella dimensione enigmatica della performance.

Milano Design Week
Bang & Olufsen e la forma della musica
Products
La Wishbone Chair in limited edition
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto