Sou Fujimoto Architects, House NA, Tokyo, Japan, 2011 - Credits: Ph. Iwan Baan
News

La casa giapponese in mostra al MAXXI di Roma

Il museo MAXXI di Roma ospita fino al prossimo 26 febbraio la mostra The Japanese House. Architettura e vita dal 1945 a oggi, dedicata al tema della casa nell’architettura e nella società giapponese.

Una mostra organizzata in collaborazione con la Japan Foundation, Barbican Centre di Londra e il Museo nazionale di arte moderna di Tokyo che raccoglie le opere di oltre 50 architetti giapponesi, tra archistar come Kenzo Tange, Toyo Ito, Kazuyo Sejima e Shigeru Ban, maestri come Seike Shirai, Kazuo Shinohara, Kazunari Sakamoto e giovani progettisti meno conosciuti.

The Japanese House è la prima mostra italiana dedicata a un tema che ha prodotto alcuni dei più influenti esempi di architettura moderna e contemporanea. Con un allestimento disegnato da Atelier Bow-Wow, comprende disegni, modelli, fotografie d’epoca e contemporanee insieme a video, interviste, spezzoni di film e manga, riproduzioni in scala reale di frammenti e sezioni di edifici particolarmente significativi.

Tre sono i temi affrontati nel percorso espositivo: la convivenza, tra aspetti tradizionali e innovazione architettonica estrema; la continuità della cultura giapponese e in particolare tra l’esterno e l’interno della casa, tra natura e artificio, tra materiali antichi e tecnologicamente evoluti; il ruolo dello spazio domestico in Giappone, tra arte, architettura, cinema e fumetto. 

Terunobu Fujimori, Leek House, 1997 - Credits: Ph. Akihisa Masuda
Terunobu Fujimori, Leek House, 1997 - Credits: Ph. Akihisa Masuda
Hideyuki Nakayama, O House, 2009 - Credits: Ph. Mitsutaka Kitamura
Tezuka Architects (Takaharu + Yui Tezuka), Roof House, 2001 - Credits: Ph. Katsuhisa Kida/FOTOTECA
Tezuka Architects (Takaharu + Yui Tezuka), Roof House, 2001 - Credits: Ph. Katsuhisa Kida/FOTOTECA
Office of Ryue Nishizawa, Moriyama House, 2005 - Credits: Takeshi Homma
Toyo Ito, White U, 1976 - interno - Credits: Ph. Koji Taki
Toyo Ito, White U, 1976 - esterno - Credits: Ph. Koji Taki
Sou Fujimoto Architects House NA Tokyo, Japan 2011 - Credits: Ph. Iwan Baan
Antonin Raymond - Raymond House & Studio in Azabu, 1951 - Credits: Courtesy of RAYMOND ARCHITECTURAL DESIGN OFFICE,INC.
Antonin Raymond - Raymond House & Studio in Azabu, 1951 - Credits: Courtesy of RAYMOND ARCHITECTURAL DESIGN OFFICE,INC.
Takemitsu Azuma, Tower House - Credits: Ph. Mehrdad Hadighi
Kenzo Tange - House, 1953 - Credits: Courtesy of Michiko Uchida
Atelier Bow – Wow - House and Atelier - Credits: Courtesy of Atelier Bow – Wow
Atelier Bow – Wow - Pony Garden - Credits: Courtesy of Atelier Bow – Wow
Atelier Bow – Wow - Pony Garden - Credits: Courtesy of Atelier Bow – Wow
Atelier Bow – Wow - Split Machiya - Credits: Courtesy of Atelier Bow – Wow
Atelier Bow – Wow - Split Machiya (facciata) - Credits: Courtesy of Atelier Bow – Wow
Places
Cinque hotel di design a Venezia
Products
Le lampade da tavolo più belle del 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi