News

Cinque cuffie per ascoltare musica

All’incrocio fra avanguardia tecnologica e artigianalità, giovani imprenditori europei emergenti si affacciano sul mercato della produzione di cuffie prendendo le distanze dalla plastica e dai polimeri tradizionalmente usati dagli americani.

La francese Aedle e la rumena Meze, per esempio, firmano prodotti che utilizzano materiali alternativi, come alluminio aerospaziale e legno fondendo - per la felicità degli audiofili contemporanei - design e ricerca tecnologica.

Minimaliste, le cuffie Vk-1 Valkyrie di Aedle, sono disponibili in versione Carbon Black o Classic Tan e sono realizzate con trasduttori al titanio e neodimio. Il corpo, fresato sotto controllo numerico, è in alluminio aerospaziale che garantisce solidità e si completa con cuscini in pelle di agnello, per un binomio estetico originale. Dietro al prodotto ci sono due giovani francesi, Raphael Lebas de Lacour e Baptiste Sancho che si sono conosciuti alla Keio University di Tokyo e, una volta tornati in patria, hanno trasformato la passione per le attrezzature audio di alto livello in un business. Ci sono voluti due anni per arrivare al prodotto finito e tre settimane per vendere il primo lotto di 500 cuffie Vk-1, dotate di un altoparlante da 40mm e di una sensibilità che arriva a 129 dB. Una caratteristica che assicura una buona riproduzione del suono a un volume elevato, anche con sorgenti poco potenti. A oggi, in totale, ne sono state vendute 1.500 al prezzo di 350 euro.

Meze Headphones, invece, è stata fondata a Londra dal designer industriale rumeno Antonio Meze che ha poi trasferito a Baia Mare, nel nord della Romania, la produzione di cuffie in legno di ebano e faggio. Alla serie, lo scorso dicembre, si sono aggiunti gli auricolari Meze 11 Deco e Meze 11 Classics che, analogamente alle cuffie, regalano un suono caldo e naturale. Realizzati a mano in faggio, hanno un altoparlante da 8 millimetri in neodimio, una risposta in frequenza molto ampia (da 16 a 24kHZ, che copre cioè tutte le frequenze udibili dall'orecchio umano e oltre) e un’elevata sensibilità che si aggira su 101 dB. La cuffia classica si può richiedere lucida o satinata e monta altoparlanti da 50mm, con una risposta in frequenza da 18Hz a 22 KHz. È il caso di Meze 73 Classics, un prodotto che regala bassi molto potenti, ma rispettosi delle frequenze più alte, per un ascolto pulito e gradevole. Meze 88 Classics, infine, è la versione per audiofili, con una risposta da 20 Hz a 20KHz e una sensibilità da 107 dB. Prezzi per gli auricolari a partire da 60 euro e da 109 a 227 euro per le cuffie.

News
Dalla bicicletta all'appendiabiti di design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto