BASE
Mediateca di Santa Teresa
Mediateca di Santa Teresa
Museo del Novecento - Credits: Design City Milano
News

Design City Milano: i 5 eventi da non perdere

La prima edizione di Design City Milano approda nella città meneghina dal 1 al 9 ottobre. 

L'idea: ribadire il ruolo di Milano come capitale del design organizzando un secondo appuntamento, dopo quello di aprile con il Salone del Mobile e il Fuorisalone, in cui coinvolgere il pubblico in una riflessione sulla creatività made in Italy.

Su questi presupposti è nato Design City Milano, subito soprannominato Fall Design Week, una settimana dedicata al dibattito in cui si farà il punto sull'evoluzione e sul futuro del design italiano. A organizzare la kermesse è Studiolabo, già ideatore di Brera Design District.

Ecco i 5 appuntamenti più importanti della manifestazione:

Brera Design Days 

Il quartiere di Brera si trasformerà in un incubatore di idee e progetti grazie ai numerosi eventi, workshop e seminari che si terranno in vari spazi della zona, come la Mediateca di Santa Teresa e gli showroom di @viaPontaccio 0.1. La partecipazione agli eventi è gratuita previa registrazione e consente di ottenere crediti formativi per gli iscritti all'Albo degli architetti.

Quando: 1-9 ottobre

Lambrate Fall Edition

È uno dei quartieri più coinvolti dal Fuorisalone di aprile. Lambrate Fall Edition, organizzata in collaborazione con l'associazione Made in Lambrate, rimarca l'identità del quartiere proponendo una serie di incontri sul tema dell'intreccio tra design, trasformazioni urbane, innovazione e tecnologia.

Quando: 1-9 ottobre

Museo del Novecento

Il Museo del Novecento offrirà una full immersion nel mondo del service design grazie ad alcuni incontri organizzati da POLI.design - Consorzio del Politecnico di Milano. Nell'ambito di Parla con noi, si discuterà sulle intersezioni tra pubblico/privato, arte/service design nella progettazione dell'esperienza.

Quando: 4 ottobre

Teatro Franco Parenti - IF! Italians Festival

Un vero e proprio festival della creatività, oggi giunto alla terza edizione, che al motto No show, no business vuole aprire un dibattito sul rapporto tra business e arte. Per tre giorni, il teatro si trasformerà in una grande tavola rotonda a cui parteciperanno professionisti della comunicazione creativa, artisti, imprenditori e investitori.

Quando: 6-8 ottobre

BASE - Festival delle Comunità del Cambiamento

Promosso dall'associazione RENA, il festival esplorerà il concetto di identità nel design, approfondendo tematiche legate al'interscambio tra le comunità e le culture attraverso una serie di seminari, workshop e incontri. Un'occasione per osservare fenomeni come la migrazione e la contaminazione culturale attraverso le lenti del design.

Quando: 7-9 ottobre

Products
IKEA lancia due collezioni in edizione limitata
Products
Sei libri di design da non perdere
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto