Uno scatto dell'edizione 2015 della rassegna - Credits: Design Miami/Basel
News

Le novità di Design Miami/Basel 2016

Per tutti gli addetti ai lavori del mondo dell'arte e del design, Design Miami/Basel è uno degli appuntamenti più importanti al mondo.

Ogni anno i collezionisti più avidi, galleristi, designer, curatori e giornalisti si recano senza troppe esitazioni alle due tappe di quello che potremmo definire il forum mondiale del design: un primo stop a dicembre, a Miami e un altro a giugno, a Basilea.

Un evento espositivo e didattico a 360 gradi, Design Miami/Basel ha il compito di portare alla luce il design, ripercorrendo un secolo di movimenti artistici e progettuali.

E’ molto più di una rassegna fieristica: opportunità commerciali, scambi di vedute, programmi culturali, laboratori, talk da parte delle persone più influenti del settore rappresentano l’insieme di iniziative che rende l’evento uno dei più influenti del pianeta.

Dal 14 al 19 giugno, Design Basel celebra gli spazi domestici e lavorativi. Lo fa per mezzo un numero consistente di gallerie, che presenteranno nel dettaglio i lavori di tutti i designer coinvolti.

Verranno ricreati i grandi uffici del passato, e ipotizzati quelli del futuro, mentre per gli ambienti domestici si pagherà tributo al ruolo del designer scandinavo e alla capacità di immaginare la casa come un luogo equamente adatto agli adulti e ai bambini.

All’interno della kermesse del 2016 – nella quale ICON Design è coinvolto in qualità di partner – si potranno ammirare le personali di grandi designer: Elisabetta Cipriani mostrerà i primi progetti di design indossabile ideati dall’artista e attivista Ai Wei Wei, Friedman Benda presenterà la rassegna sui lavori di Joris Laarman e la galleria Eric Philippe offrirà al pubblico due personali dei designer nordici Axel Einar Hjorth e Paayo Tynell.

Non finisce qui e, indubbiamente, si prospetta una delle settimane più interessanti per tutti gli amanti del settore.

Un dettaglio della struttura dell'Aluminum Chair di Joris Laarman - Credits: Friedman Benda
Making of della Dragon Bench di Joris Laarman - Credits: Friedman Benda
Rebar in Gold di Ai WeiWei - Credits: Elisabetta Cipriani
Un altro scatto del lavoro Rebar in Gold di Ai WeiWei - Credits: Elisabetta Cipriani
Una coppia di tavoli disegnati da Axel Einar Hjorth - Credits: Galleria Eric Philippe
Il divano di Axel Einar Hjorth - Credits: Galleria Eric Philippe
Places
Il Centro Eventi Multifunzionale di Verbania
News
Icon Design di giugno
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi