Hunters Roots Café è nuovo snack bar che offre prodotti esclusivamente biologici
Il progetto è siglato dall’architetto Kei Kitayama
Gli interni prendono ispirazione dalle cassette in legno della frutta
Lo spazio è situato al numero 26 di Katherine Place, a Melbourne
News

Hunters Roots Café, quando il design diventa sostenibile

A Melbourne c’è un nuovo snack bar che punta tutto sul design sostenibile e sui prodotti naturali e biologici, con un menu che segue da vicino l’andamento delle stagioni.

Si chiama Hunters Roots Café e porta la firma dell’architetto Kei Kitayama, che è stato chiamato a creare un ambiente in linea con la filosofia dei proprietari Jeffrey e Kerry Chew.

Gli interni prendono ispirazione dalle cassette in legno della frutta, utilizzate in forma astratta come elemento decorativi: riempiono gli spazi, creando una forma scultorea immersiva, quasi fosse un antro, realizzato con geometrie semplici e lineari.

Spiega Kitayama: «La nostra idea era quella di utilizzare una forma astratta che evocasse le cassette in legno, senza essere troppo letterali. Volevamo dare ai clienti stessi la possibilità di decidere cosa rappresentassero. Sono cassette di frutta e verdura o sembrano più delle bucce di frutta? È un’idea divertente.»

Protagonista è il legno d’acero duro americano, impiegato soprattutto per la sua tonalità di luce e la sua morbidezza al tatto, accanto al legno di Paulownia, un legno ultraleggero scelto per le cassette sospese dal soffitto.

Il risultato è uno spazio caratterizzato da un’estetica moderna e pulita, specchio dell’impegno a sostegno della stagionalità dei prodotti e di un design sostenibile.

Places
Il nuovo ristorante D'O di Davide Oldani
News
Il futuro del design: al via le Giornate del design industriale
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto