Credits: Sketchmob all'Expo 2015.
Credits: Un schizzo tra quelli dello Sketchmob all'Expo 2015.
Credits: Artisti all'opera durante lo Sketchmob all'Expo 2015.
Credits: Schizzi dallo Sketchmob all'Expo 2015.
Credits: Un artista all'opera durante lo Sketchmob all'Expo 2015.
Credits: Un artista all'opera durante lo Sketchmob all'Expo 2015.
Credits: Sketchmob all'Expo 2015.
Credits: Il kit da disegno creato per lo Sketchmob in collaborazione con Moleskine.
Credits: Lo sketchbook di Moleskine con uno schizzo di Stefan Davidovici.
News

Designer, architetti e illustratori ritraggono l’Expo en plein air

Laura Barsottini

Ormai tutti conoscono i flashmob, quelle manifestazioni improvvise che si svolgono in pochissimo tempo, radunando e coinvolgendo varie tipologie di persone. Ora (ma è il sesto a svolgersi in Italia), è la volta dello Sketchmob: architetti, designer, illustratori o semplici appassionati di disegno, si ritrovano domani all'Expo 2015 (partenza alle 14 al Moleskine Store di via Dante, 15 a Milano).

L'idea è quella di ritrarre l'architettura dei padiglioni dell'esposizione universale ognuno con il proprio stile. I lavori migliori diventeranno poi una mostra dal 24 giugno all'8 luglio al Moleskine Store di via Dnate 15, a Milano.

Nato dall'iniziativa del professor Trevor Flynn e sostenuto in Italia dalla Fondazione dell'Ordine degli Architetti di Milano, Sketchmob è una delle tante iniziative che negli ultimi anni sta segnando la grande rinascita del disegno a mano libera.

I disegni verranno digitalizzati via via in diretta con la speciale app creata da Moleskine con Adobe, caricati su cloud, resi disponibili ai media e condivisi sui social #sketchmobitalia #moleskinestories, in una nuova forma di reportage tra analogico a digitale. Per guardare e scaricare i disegni dello Sketchmob, dai prossimi giorni sarà disponibile il link http://bit.ly/sketchmobita

Gli organizzatori di Sketchmob Italia (Stefan Davidovici e Irina Suteu di Arkipelag; Marco Muscogiuri e Matteo Schubert di Alterstudio Partners) aiuteranno i partecipanti, dando suggerimenti e indicazioni, per focalizzare lo sguardo e tradurlo in disegno.

Ai primi 100 partecipanti verrà distribuito un kit per il disegno en plein air creato per l'occasione, composto da matite e sketchbook. Gli organizzatori utilizzeranno lo speciale Smart Notebook Moleskine, studiato con Adobe, ottimizzato per il trasferimento delle immagini in formato digitale, jpg o vettoriale, per l’elaborazione su Adobe Illustrator.

Places
A Soissons, un conservatorio che pare un'abbazia
Products
Tre fotocamere mirrorless: hi-tech ma dal gusto retrò
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento