Credits: Fondazione Castiglioni
Credits: Fondazione Castiglioni
Credits: Fondazione Castiglioni
News

La Dimensione Domestica dei fratelli Castiglioni, parte seconda

Dopo un primo capitolo andato in onda esattamente un anno fa, la Fondazione Achille Castiglioni inaugura la seconda parte della rassegna Dimensione Domesticapensata per raccontare l’idea di spazio domestico dei fratelli Achille e Pier Giacomo Castiglioni.

Quest'anno viene presentato l’Ambiente arredato per il Pranzo della mostra La casa abitata (Palazzo Strozzi, Firenze, 1965), con la curatela di Beppe Finessi e il progetto grafico è di Italo Lupi. Il progetto di allestimento è affidato a Marco Marzini, che presenta anche una propria interpretazione di uno spazio domestico all’ingresso della Fondazione.


«Una stanza rettangolare con una tavola non completamente apparecchiata, in un “appartamento volutamente non caratterizzato da una precisa classificazione sociale”, suggerisce un’idea di libertà comportamentale e ancor prima d’uso», racconta Finessi. «Una proposta dove sono i singoli oggetti, nel loro insieme, a suggerire un’ipotesi non borghese dell’abitare, attraverso presenze che si possono spostare (come il celebre contenitore mobile “Rampa” su ruote) e ricomporre a piacere nello spazio».

Il secondo atto del percorso espositivo, visibile su appuntamento, andrà in scena dal 7 marzo al 30 dicembre negli spazi di Piazza Castello 27 a Milano. E nel 2018 il ciclo espositivo si concluderà con il riallestimento dell’Ambiente per il pranzo progettato dal solo Achille Castiglioni per la mostra Mobili italiani (Tokyo, 1984). Anno che coinciderà con il centenario della nascita dell’autore.