L'edizione del 2015 - Credits: DMY Festival
L'edizione del 2015 - Credits: DMY Festival
New Talent Competition: Lesley Ann Daly - Anthropomorphic Sensory - Credits: DMY Festival
Pou Belle Design - Liggend Vaas - Credits: DMY Festival
Lund University - Alltogether in our Office - Credits: DMY Festival
New Talent Competition: Smirnow Industrial Garment - Credits: DMY Festival
New Talent Competition: Studio Juno Jeon - Pull me to life - Credits: DMY Festival
New Talent Competition: Studio Juno Jeon - Pull me to life - Credits: DMY Festival
News

DMY 2016: il design va in scena a Berlino

Secondo Theodor Adorno, è nel non-identico che risiede l’identità. Saper rinunciare a quest'ultima è dunque l'unico presupposto per ritrovarla, proprio come fece Ulisse durante la sua Odissea. Un discorso che il filosofo tedesco applicava alle trasformazioni dell'uomo moderno, ma che può offrire una chiave di lettura anche dell'evoluzione del design contemporaneo.

A sostenerlo è la 14esima edizione del DMY Festival di Berlino, che ispirandosi al pensiero di Adorno si interroga sull'identità del design di oggi, riflettendo sui confini sempre più labili tra le varie discipline e sull’interscambio tra il digitale e l’analogico. Odyssey 2016 è dunque il tema scelto per questa edizione della kermesse: l'odissea come processo di trasformazione, come viaggio attraverso le realtà che stanno modellando il futuro del design, creandone nuovi volti e forme.

In questo dilemma identitario tutte le espressioni del design sono chiamate a parteciparne: dal graphic al digital e communication design, fino alla moda, l'architettura e il disegno industriale. Le 5 sezioni del festival - Showroom, Store, Education, LAB, Berlin Design Expo e Design Spots – si aprono così per la prima volta nella storia del festival alla contaminazione di idee, progetti e prodotti provenienti da altri emisferi creativi.

Dal 2 al 5 giugno, il calendario del DMY sarà punteggiato di varie occasioni di dibattito come workshop, seminari e lezioni, che affiancheranno l’esposizione di prodotti “ready for the market” creati da designer, università e aziende da tutto il mondo ma anche di progetti di ricerca, lavori sperimentali e approcci interdisciplinari. Il tutto negli spazi del Kraftwerk Berlin, nuova sede dell'evento.

Particolarmente interessante sarà anche la mostra dedicata ai 25 vincitori della New Talent Competition, nata dalla collaborazione tra DMY e Ikea. Il loro occhio ironico e dissacrante sarà l’occasione per scoprire le molteplici direzioni del design e il loro intreccio con le nuove tecnologie, la moda e l’arte contemporanea.

Sarà invece dedicata esclusivamente ai designer berlinesi la sezione DMY Berlin Design Expo, che in occasione dei 10 anni della nomina da parte dell’UNESCO di Berlino come città di design, vuole presentare le opere più identificative della scena creativa della capitale tedesca.

Storytelling
Thaddeus Wolfe e l’arte del vetro
News
Il Padiglione dei Paesi Nordici alla Biennale di Venezia 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto