Dolce & Gabbana Monte Carlo, progetto di Eric Carlson - Credits: Ph. Antoine Huot
Dolce & Gabbana Monte Carlo, progetto di Eric Carlson - Credits: Ph. Antoine Huot
Dolce & Gabbana Monte Carlo, progetto di Eric Carlson - Credits: Ph. Antoine Huot
News

La nuova boutique Dolce & Gabbana a Monte Carlo

Dolce & Gabbana approda a Monte Carlo con una boutique dedicata alla moda uomo e donna a due passi dal mare, nei pressi del celebre Casinò e del Cafè de Paris.

Il nuovo punto vendita porta la firma di Eric Carlson, dello studio Carbondale di Parigi, e si estende su una superficie totale di 800 metri quadri distribuita su tre livelli. «Disegnare uno spazio per Dolce&Gabbana e la sua speciale clientela del Principato di Monaco, significa creare un paradiso di opulenza ed esclusività», racconta l’architetto americano. «Ho iniziato definendo spazi geometrici che fossero taglienti, ben definiti, puri, e ho continuato progettando delle super ci in cui risultasse evidente il contrasto tra il prezioso quarzo rosa lucido, il marmo nero, e vasti piani di specchio smussato per riprodurre una vivace orchestra architettonica di luminosi riflessi... è magico, un trionfo di bellezza».

Il piano inferiore, con ingresso su Avenue de la Madone, ospita le linee donna: sono esposte le collezioni ready to wear, sera, accessori e fine jewellery. Le pareti, il soffitto e il pavimento sono ricoperti di marmo nero marquina con strisce verticali di marmo quarzo rosa che, percorrendo l’intera superficie in modo circolare, creano l’effetto prospettico a vortice. L’ambiente è caratterizzato da arredi di fine ottocento in stile barocco, tra ampi specchi, volute e poltrone in velluto rosa di provenienza italiana.


Una scala a chiocciola dorata conduce al piano intermedio dove sono esposte la Collezione Sartoria e la linea fine jewellery uomo. Al centro dell’area sono esposte anche le Collezioni Donna ready to wear e fine jewellery. L’area uomo è caratterizzata da finiture in legno sfumato redgum e velluto color oro, mentre quelle donna in ottone gold e velluto rosa. Il pavimento del piano è in marmo nero marquina con alcune isole in quarzo rosa nella zona dedicata alla donna, e il soffitto quasi interamente a specchio.

Il piano alto è invece dedicato all’universo delle borse, delle scarpe e degli accessori, ed è caratterizzato da due ampie vetrine che si affacciano su boulevard des Moulins con relativo accesso alla boutique. Anche qui il pavimento e le pareti sono in marmo nero e quarzo rosa attraversato da venature irregolari di colore più scuro. Il soffitto è a specchio e l’arredamento riprende i caratteri tipici del periodo barrocco.

News
I teatri d’opera più celebri al mondo, fotografati da David Leventi
Places
A Copenhagen, nel nuovo locale firmato Snøhetta
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Elettrodomestici di design: un po

Elettrodomestici di design: un po' di novità

Da scoprire nel servizio fotografico di Thomas Albdorf, con il set design di Cameranesi & Pompili e la moda di Fabiana Fierotti
Tre documentari di architettura da vedere

Tre documentari di architettura da vedere

Protagonisti Frank Lloyd Wright, Mies Van Der Rohe, Gio Ponti. Su Rai 5, a partire dal 18 gennaio, e alla Triennale di Milano, lunedì 21 gennaio
Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Richiama le architetture dello storico istituto di Dessau realizzato nel 1919. L’obiettivo? Indagare il ruolo del design all'interno delle realtà sociali e politiche
Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Un omaggio a Fernanda Wittgens, prima donna a dirigere un museo statale in Italia. Con il progetto di interior curato da rgastudio
The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


Un modello ibrido concepito per accogliere studenti, lavoratori, viaggiatori e residenti. Nato sulle ceneri di un palazzo storico in via Lavagnini