Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
News

Cinque mete autunnali tra arte e design

Finite le vacanze, il ritorno alla routine può essere decisamente traumatico.

Una soluzione alla tristezza post-rientro è quella di prenotare un'altra piccola fuga dalla quotidianità, per pensare alla fine dell'estate in modo positivo.

E cosa c'è di meglio di un viaggio in Europa? Dalla vicina Svizzera ai paesi scandinavi, le mete autunnali perfette per un week end sono tante.

Abbiamo selezionato 5 destinazioni ideali per un breve soggiorno all'insegna del design, dell'arte e del buon vivere. Tra mostre, hotel di design e bar in cui sorseggiare ottimi cocktail.

Ecco cinque città per godersi l'autunno.

Oslo, per un week end all'insegna dell'architettura e del design scandinavo

Cooking Sections - Credits: Oslo Architecture Triennale, courtesy of the author
Kirkenes Harbour, ai confini tra Norvegia e Russia è uno dei luoghi selezionati per essere reimmaginato dai partecipanti della Triennale. - Credits: Oslo Architecture Triennale - ph. by Mathis Heibert
OPENtransformation by Elisabeth Søiland, Silje Klepsvik,, Åsne Hagen - Credits: Oslo Architecture Triennale
The Thief - Credits: The Thief, photo by Mattias Hamrén & Jason Strong
The Thief - Credits: The Thief, photo by Mattias Hamrén & Jason Strong
The Thief - Credits: The Thief, photo by Mattias Hamrén & Jason Strong
Himkok - Credits: Himkok
Himkok - Credits: Himkok
Himkok - Credits: Himkok
  • L'evento da non perdere: Oslo Architecture Triennale – Dall'8 settembre al 27 novembre
    Siamo sempre più cittadini del mondo. Ma se è davvero così, a che luogo apparteniamo allora? A chiederselo è la Triennale di Architettura di Oslo, che al motto di “After Belonging” vuole approfondire il concetto di appartenenza in un'epoca di migrazioni e spostamenti globali. La concezione odierna di casa, in piena trasformazione, viene analizzata attraverso il lavoro di architetti e designer chiamati a immaginare le possibili soluzioni del futuro. Un'occasione per riflettere sui cambiamenti del vivere quotidiano, sempre più improntato alla flessibilità e alla mobilità.

  • L'hotel di design: The Thief
    Situato in posizione panoramica nella penisola di Tjuvholmen, nel pieno centro culturale cittadino, l'hotel The Thief unisce lusso, design e arte. Realizzato dallo studio di architettura norvegese Mellbye Architects, l'hotel offre camere e suites di design, tutte progettate dalla nota designer norvegese Wille Våge. A rendere ancora più speciale gli spazi è una mostra permanente che vanta nomi quali Tom Dixon, Boca do Lobo e Jacco Maris.

  • Il bar più cool: Himkok
    Himkok è molto più di un bar. È anche una micro-distilleria di vodka, gin e acquavite, ma soprattutto uno degli indirizzi più interessanti e segreti di Oslo. Le difficoltà nel trovare l'ingresso (dietro un salone di bellezza) vengono ripagate una volta entrati nel locale: una spazio a metà tra lo speakeasy e il laboratorio. A sviluppare il progetto, lo studio norvegese Simon James Design.

Gstaad, per un tuffo nel relax alpino

Alexander Calder: Calder in the Alps - Credits: Hauser & Wirth
Alexander Calder: Calder in the Alps - Credits: Hauser & Wirth
Alexander Calder: Calder in the Alps - Credits: Hauser & Wirth
Gstaad Saanenland Hostel - Credits: Gstaad Saanenland Hostel
Gstaad Saanenland Hostel - Credits: Gstaad Saanenland Hostel
Gstaad Saanenland Hostel - Credits: Gstaad Saanenland Hostel
Alpina Lounge & Bar - Credits: Hotel Alpina
Alpina Lounge & Bar - Credits: Hotel Alpina
Alpina Lounge & Bar - Credits: Hotel Alpina
  • L'evento da non perdere: Alexander Calder: Calder in The Alps. Fino al 30 settembre
    La galleria Hauser & Wirth presenta a Gstaad Calder in The Alps, retrospettiva outdoor dedicata allo scultore americano Alexander Calder, tra i più influenti del XX secolo. Esposte in questa occasione per la prima volta in Svizzera, le monumentali sculture di Calder sembrano creare un legame con le alpi e con il panorama circostante, creando suggestivi contrasti.

  • L'hotel di design: Gstaad Saanenland Hostel
    Parole d'ordine: minimalismo e sobrietà. A Gstaad è stato recentemente inaugurato lo Gstaad Saanenland Hostel, ostello di design che offre camere semplici e arredate con gusto. Dedicato a famiglie giovani, coppie e viaggiatori solitari, l'ostello è un'alternativa low cost (ma non meno di charme) ai numerosi boutique hotel della zona.
  • Il bar più cool: Bar Lounge Hotel Alpina
    L'Hotel Alpina è una delle destinazioni più esclusive di Gstaad. Anche per sorseggiare un drink, grazie alla selezione di alcolici provenienti da tutto il mondo, mischiati dalle mani di sapienti bartender, e alla terrazza affacciata sulle Alpi. L'atmosfera è quella di un lussuoso salotto di uno chalet di montagna, per serate eleganti e meditative.

Amsterdam, la meta perfetta per immaginare il design del futuro

Next Nature Network, Knitted Meat - Credits: Stedelijk Museum
Agatha Haines - Credits: Stedelijk Museum
We Make Carpets, Stirrer Carpet Detail - Credits: Stedelijk Museum, photo by Room on the Roof
Hotel Not Hotel
Hotel Not Hotel
Notel Not Hotel
Bar Botanique - Credits: Studio Modijefsky
Bar Botanique - Credits: Studio Modijefsky
Bar Botanique - Credits: Studio Modijefsky
  • L'evento da non perdere: Stedelijk Museum: Dream Out Loud – Designing for tomorrow's demand. Fino al 1° gennaio 2017
    26 designer esplorano una delle tematiche più calde del momento: il social design. E cercano la soluzione ai problemi comuni della nostra società, con grande ironia. Un esempio: la paura della carne imperversa? Basta creare il proprio personale sostituto, magari con ago e filo. In mostra, i lavori di designer emergenti e non, come Pieke Bergmans, Studio Drift, Formafantasma, Bart Hess, Hella Jongerius e Boyan Slat.

  • L'hotel di design: Hotel Not Hotel
    Per chi vuole vivere un'esperienza unica, l'Hotel not Hotel è la soluzione giusta. Stanze segrete, tram trasformati in camere e capanne di legno sono solo alcune delle stramberie offerte dall'hotel. Il tutto, ça va sans dire, rigorosamente di design. Il progetto è del collettivo di designer Collaboration-O.
  • Il bar più cool: Bar Botanique
    Un angolo tropicale nel cuore di Amsterdam Est. Si tratta del Bar Botanique, nuovo indirizzo della nightlife della capitale olandese. Aperto dal mattino alla sera, questo gastro-bar offre un menù leggero e “green” a ogni ora del giorno. A progettare gli interni è lo Studio Modijefsky, che ha creato un'ambientazione in stile "jungle" con piante, liane e un arredamento che richiama tutte le sfumature del verde.

Anversa, per un soggiorno ricco di musica, moda e design

Henrik Plenge Jakobsen, Everything is Wrong, 1996, - Credits: M HKA
Walter Van Beirendonck, Hardbeat collection, 1989-1990 - Credits: M HKA
Martin Kersels, Brown Sound Kit, 1994, Courtesy of the Artist and Galerie Georges-Philippe and Nathalie Vallois - Credits: M HKA
The Apartment - Credits: Graanmarkt 13, photo by Frederick Vercruysse
The Apartment - Credits: Graanmarkt 13, photo by Frederick Vercruysse
The Apartment - Credits: Graanmarkt 13, photo by Frederick Vercruysse
The Jane - Credits: Piet Boon, photo by Richard Powers
The Jane - Credits: Piet Boon, photo by Richard Powers
The Jane - Credits: Piet Boon, photo by Richard Powers
  • L'evento da non perdere: Energy Flash – The Rave Movement. Fino al 25 settembre
    Tra i movimenti giovanili del XX secolo, quello rave è forse il più sottovalutato. Eppure, la “rave culture”, scoppiata tra la fine degli anni 80 e l'inizio degli anni 90, ebbe svariate ripercussioni nel mondo dell'arte, della musica e della moda. Ad analizzarne l'influenza è la mostra Energy Flash – The Rave Movement, organizzata dal Museum van Hedendaagse Kunst di Anversa. In mostra, i lavori di stilisti, designer e artisti che furono ispirati dalla scena rave, da Walter Van Beirendonck a Mark Leckey, Simona Denicolai & Ivo Provoost.

  • L'hotel di design: The Apartment, Graanmarkt 13
    L'"hotel del momento" di Anversa non è un hotel. Ma un gigantesco appartamento di 280 mq, all'interno del Graanmarkt 13, concept store che riunisce sotto lo stesso tetto un negozio, un ristorante e una galleria d'arte. L'appartamento è dotato di 4 camere matrimoniali, due bagni, una cucina e un terrazzo di 60 mq. La soluzione ideale per gruppi o viaggi di lavoro.

  • Il bar (e ristorante) più cool: The Jane
    Realizzato nell'ex cappella di un ospedale militare, The Jane è uno dei bar e ristoranti più suggestivi della città. A trasformare gli spazi della chiesa in un ristorante ipercontemporaneo è lo studio Piet Boon, che ha seguito il motto "fine dining meets rock" lanciato dagli chef Sergio Herman e Nicki Bril per sviluppare gli interni del locale. Per tutti gli appassionati di design, un indirizzo da non perdere ad Anversa.

Colonia, tra lusso e tradizione

Ahmet Öğüt Bakunin’s Barricade, 2014/2016 - Credits: Museum Ludwig, © Ahmet Öğüt
Guerrilla Girls Do Women Have to Be Naked to Get into the Met. Museum? 1989 - Credits: Museum Ludwig, © Guerrilla Girls, courtesy guerrillagirls.com
Guerrilla Girls Portrait - Credits: Museum Ludwig, © Guerrilla Girls, courtesy guerrillagirls.com
Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
Bar Salon Schmitz - Credits: Bar Salon Schmitz
Bar Salon Schmitz - Credits: Bar Salon Schmitz
Bar Salon Schmitz - Credits: Bar Salon Schmitz
  • L'evento da non perdere: Museum Ludwig: We Call it Ludwig. The Museum is turning 40! Fino all'8 gennaio 2017
    In occasione del suo 40° compleanno, il Museum Ludwig di Colonia si autocelebra con una mostra che ripercorre gli artisti e le esposizioni che hanno segnato la storia del museo. A partecipare al progetto sono 25 artisti internazionali, tra cui Diango Hernández, The Guerrilla Girls Collective, Ai Weiwei, Gerhard Richter, Maria Eichhorn.

  • L'hotel di design: The Qvest
    Per gli amanti del design, l'hotel Qvest è una tappa obbligata nel pieno centro storico di Colonia. Nato all'interno di un ex archivio storico della città, l'hotel rappresenta la fusione più felice tra architettura neo-gotica e design contemporaneo, grazie alla collezione di arte e design di Michael Kaune, proprietario e direttore del magazine Qvest. Un indirizzo imperdibile se si passa da Colonia.
  • Il bar (e ristorante) più cool: Bar Salon Schmitz
    Il Bar Salon Schmitz è una delle mete gastronomiche più interessanti di Colonia. Il locale, diviso nel reparto macelleria, pasticceria, bar e ristorante, offre un'atmosfera retrò e rilassata, dal tè del pomeriggio al drink della sera. Gli spazi interni, arredati in modo nostalgico e ironico (una statua della Madonna svetta tra gli alcolici) ospitano spesso mostre, concerti e feste.
Places
Vyta Santa Margherita, una bakery d'autore a Firenze
Products
Le novità Bang & Olufsen a IFA 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale
L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


Al Museum of Modern Art un viaggio alla scoperta dei quarantacinque anni di architettura jugoslava. Fino al 13 gennaio 2019
Essere e tempo

Essere e tempo

Trasparenze evanescenti, sfumature naturali e pensieri fluttuanti scanditi da orologi e accessori importanti. Sono attimi sospesi per giocare con i dettagli preziosi del momento
I quadri di Marc Chagall a Mantova

I quadri di Marc Chagall a Mantova

In concomitanza con il Festivaletteratura, dal 5 settembre, Palazzo della Ragione ospita oltre 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920
Una notte al Joshua Tree, in California

Una notte al Joshua Tree, in California

Un’oasi di pace dove godere di uno scenario mozzafiato nel bel mezzo del deserto, tra rocce scolpite e cieli stellati. Ecco Folly dello studio Cohesion