Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
News

Cinque mete autunnali tra arte e design

Finite le vacanze, il ritorno alla routine può essere decisamente traumatico.

Una soluzione alla tristezza post-rientro è quella di prenotare un'altra piccola fuga dalla quotidianità, per pensare alla fine dell'estate in modo positivo.

E cosa c'è di meglio di un viaggio in Europa? Dalla vicina Svizzera ai paesi scandinavi, le mete autunnali perfette per un week end sono tante.

Abbiamo selezionato 5 destinazioni ideali per un breve soggiorno all'insegna del design, dell'arte e del buon vivere. Tra mostre, hotel di design e bar in cui sorseggiare ottimi cocktail.

Ecco cinque città per godersi l'autunno.

Oslo, per un week end all'insegna dell'architettura e del design scandinavo

Cooking Sections - Credits: Oslo Architecture Triennale, courtesy of the author
Kirkenes Harbour, ai confini tra Norvegia e Russia è uno dei luoghi selezionati per essere reimmaginato dai partecipanti della Triennale. - Credits: Oslo Architecture Triennale - ph. by Mathis Heibert
OPENtransformation by Elisabeth Søiland, Silje Klepsvik,, Åsne Hagen - Credits: Oslo Architecture Triennale
The Thief - Credits: The Thief, photo by Mattias Hamrén & Jason Strong
The Thief - Credits: The Thief, photo by Mattias Hamrén & Jason Strong
The Thief - Credits: The Thief, photo by Mattias Hamrén & Jason Strong
Himkok - Credits: Himkok
Himkok - Credits: Himkok
Himkok - Credits: Himkok
  • L'evento da non perdere: Oslo Architecture Triennale – Dall'8 settembre al 27 novembre
    Siamo sempre più cittadini del mondo. Ma se è davvero così, a che luogo apparteniamo allora? A chiederselo è la Triennale di Architettura di Oslo, che al motto di “After Belonging” vuole approfondire il concetto di appartenenza in un'epoca di migrazioni e spostamenti globali. La concezione odierna di casa, in piena trasformazione, viene analizzata attraverso il lavoro di architetti e designer chiamati a immaginare le possibili soluzioni del futuro. Un'occasione per riflettere sui cambiamenti del vivere quotidiano, sempre più improntato alla flessibilità e alla mobilità.

  • L'hotel di design: The Thief
    Situato in posizione panoramica nella penisola di Tjuvholmen, nel pieno centro culturale cittadino, l'hotel The Thief unisce lusso, design e arte. Realizzato dallo studio di architettura norvegese Mellbye Architects, l'hotel offre camere e suites di design, tutte progettate dalla nota designer norvegese Wille Våge. A rendere ancora più speciale gli spazi è una mostra permanente che vanta nomi quali Tom Dixon, Boca do Lobo e Jacco Maris.

  • Il bar più cool: Himkok
    Himkok è molto più di un bar. È anche una micro-distilleria di vodka, gin e acquavite, ma soprattutto uno degli indirizzi più interessanti e segreti di Oslo. Le difficoltà nel trovare l'ingresso (dietro un salone di bellezza) vengono ripagate una volta entrati nel locale: una spazio a metà tra lo speakeasy e il laboratorio. A sviluppare il progetto, lo studio norvegese Simon James Design.

Gstaad, per un tuffo nel relax alpino

Alexander Calder: Calder in the Alps - Credits: Hauser & Wirth
Alexander Calder: Calder in the Alps - Credits: Hauser & Wirth
Alexander Calder: Calder in the Alps - Credits: Hauser & Wirth
Gstaad Saanenland Hostel - Credits: Gstaad Saanenland Hostel
Gstaad Saanenland Hostel - Credits: Gstaad Saanenland Hostel
Gstaad Saanenland Hostel - Credits: Gstaad Saanenland Hostel
Alpina Lounge & Bar - Credits: Hotel Alpina
Alpina Lounge & Bar - Credits: Hotel Alpina
Alpina Lounge & Bar - Credits: Hotel Alpina
  • L'evento da non perdere: Alexander Calder: Calder in The Alps. Fino al 30 settembre
    La galleria Hauser & Wirth presenta a Gstaad Calder in The Alps, retrospettiva outdoor dedicata allo scultore americano Alexander Calder, tra i più influenti del XX secolo. Esposte in questa occasione per la prima volta in Svizzera, le monumentali sculture di Calder sembrano creare un legame con le alpi e con il panorama circostante, creando suggestivi contrasti.

  • L'hotel di design: Gstaad Saanenland Hostel
    Parole d'ordine: minimalismo e sobrietà. A Gstaad è stato recentemente inaugurato lo Gstaad Saanenland Hostel, ostello di design che offre camere semplici e arredate con gusto. Dedicato a famiglie giovani, coppie e viaggiatori solitari, l'ostello è un'alternativa low cost (ma non meno di charme) ai numerosi boutique hotel della zona.
  • Il bar più cool: Bar Lounge Hotel Alpina
    L'Hotel Alpina è una delle destinazioni più esclusive di Gstaad. Anche per sorseggiare un drink, grazie alla selezione di alcolici provenienti da tutto il mondo, mischiati dalle mani di sapienti bartender, e alla terrazza affacciata sulle Alpi. L'atmosfera è quella di un lussuoso salotto di uno chalet di montagna, per serate eleganti e meditative.

Amsterdam, la meta perfetta per immaginare il design del futuro

Next Nature Network, Knitted Meat - Credits: Stedelijk Museum
Agatha Haines - Credits: Stedelijk Museum
We Make Carpets, Stirrer Carpet Detail - Credits: Stedelijk Museum, photo by Room on the Roof
Hotel Not Hotel
Hotel Not Hotel
Notel Not Hotel
Bar Botanique - Credits: Studio Modijefsky
Bar Botanique - Credits: Studio Modijefsky
Bar Botanique - Credits: Studio Modijefsky
  • L'evento da non perdere: Stedelijk Museum: Dream Out Loud – Designing for tomorrow's demand. Fino al 1° gennaio 2017
    26 designer esplorano una delle tematiche più calde del momento: il social design. E cercano la soluzione ai problemi comuni della nostra società, con grande ironia. Un esempio: la paura della carne imperversa? Basta creare il proprio personale sostituto, magari con ago e filo. In mostra, i lavori di designer emergenti e non, come Pieke Bergmans, Studio Drift, Formafantasma, Bart Hess, Hella Jongerius e Boyan Slat.

  • L'hotel di design: Hotel Not Hotel
    Per chi vuole vivere un'esperienza unica, l'Hotel not Hotel è la soluzione giusta. Stanze segrete, tram trasformati in camere e capanne di legno sono solo alcune delle stramberie offerte dall'hotel. Il tutto, ça va sans dire, rigorosamente di design. Il progetto è del collettivo di designer Collaboration-O.
  • Il bar più cool: Bar Botanique
    Un angolo tropicale nel cuore di Amsterdam Est. Si tratta del Bar Botanique, nuovo indirizzo della nightlife della capitale olandese. Aperto dal mattino alla sera, questo gastro-bar offre un menù leggero e “green” a ogni ora del giorno. A progettare gli interni è lo Studio Modijefsky, che ha creato un'ambientazione in stile "jungle" con piante, liane e un arredamento che richiama tutte le sfumature del verde.

Anversa, per un soggiorno ricco di musica, moda e design

Henrik Plenge Jakobsen, Everything is Wrong, 1996, - Credits: M HKA
Walter Van Beirendonck, Hardbeat collection, 1989-1990 - Credits: M HKA
Martin Kersels, Brown Sound Kit, 1994, Courtesy of the Artist and Galerie Georges-Philippe and Nathalie Vallois - Credits: M HKA
The Apartment - Credits: Graanmarkt 13, photo by Frederick Vercruysse
The Apartment - Credits: Graanmarkt 13, photo by Frederick Vercruysse
The Apartment - Credits: Graanmarkt 13, photo by Frederick Vercruysse
The Jane - Credits: Piet Boon, photo by Richard Powers
The Jane - Credits: Piet Boon, photo by Richard Powers
The Jane - Credits: Piet Boon, photo by Richard Powers
  • L'evento da non perdere: Energy Flash – The Rave Movement. Fino al 25 settembre
    Tra i movimenti giovanili del XX secolo, quello rave è forse il più sottovalutato. Eppure, la “rave culture”, scoppiata tra la fine degli anni 80 e l'inizio degli anni 90, ebbe svariate ripercussioni nel mondo dell'arte, della musica e della moda. Ad analizzarne l'influenza è la mostra Energy Flash – The Rave Movement, organizzata dal Museum van Hedendaagse Kunst di Anversa. In mostra, i lavori di stilisti, designer e artisti che furono ispirati dalla scena rave, da Walter Van Beirendonck a Mark Leckey, Simona Denicolai & Ivo Provoost.

  • L'hotel di design: The Apartment, Graanmarkt 13
    L'"hotel del momento" di Anversa non è un hotel. Ma un gigantesco appartamento di 280 mq, all'interno del Graanmarkt 13, concept store che riunisce sotto lo stesso tetto un negozio, un ristorante e una galleria d'arte. L'appartamento è dotato di 4 camere matrimoniali, due bagni, una cucina e un terrazzo di 60 mq. La soluzione ideale per gruppi o viaggi di lavoro.

  • Il bar (e ristorante) più cool: The Jane
    Realizzato nell'ex cappella di un ospedale militare, The Jane è uno dei bar e ristoranti più suggestivi della città. A trasformare gli spazi della chiesa in un ristorante ipercontemporaneo è lo studio Piet Boon, che ha seguito il motto "fine dining meets rock" lanciato dagli chef Sergio Herman e Nicki Bril per sviluppare gli interni del locale. Per tutti gli appassionati di design, un indirizzo da non perdere ad Anversa.

Colonia, tra lusso e tradizione

Ahmet Öğüt Bakunin’s Barricade, 2014/2016 - Credits: Museum Ludwig, © Ahmet Öğüt
Guerrilla Girls Do Women Have to Be Naked to Get into the Met. Museum? 1989 - Credits: Museum Ludwig, © Guerrilla Girls, courtesy guerrillagirls.com
Guerrilla Girls Portrait - Credits: Museum Ludwig, © Guerrilla Girls, courtesy guerrillagirls.com
Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
Hotel Qvest - Credits: Hotel Qvest
Bar Salon Schmitz - Credits: Bar Salon Schmitz
Bar Salon Schmitz - Credits: Bar Salon Schmitz
Bar Salon Schmitz - Credits: Bar Salon Schmitz
  • L'evento da non perdere: Museum Ludwig: We Call it Ludwig. The Museum is turning 40! Fino all'8 gennaio 2017
    In occasione del suo 40° compleanno, il Museum Ludwig di Colonia si autocelebra con una mostra che ripercorre gli artisti e le esposizioni che hanno segnato la storia del museo. A partecipare al progetto sono 25 artisti internazionali, tra cui Diango Hernández, The Guerrilla Girls Collective, Ai Weiwei, Gerhard Richter, Maria Eichhorn.

  • L'hotel di design: The Qvest
    Per gli amanti del design, l'hotel Qvest è una tappa obbligata nel pieno centro storico di Colonia. Nato all'interno di un ex archivio storico della città, l'hotel rappresenta la fusione più felice tra architettura neo-gotica e design contemporaneo, grazie alla collezione di arte e design di Michael Kaune, proprietario e direttore del magazine Qvest. Un indirizzo imperdibile se si passa da Colonia.
  • Il bar (e ristorante) più cool: Bar Salon Schmitz
    Il Bar Salon Schmitz è una delle mete gastronomiche più interessanti di Colonia. Il locale, diviso nel reparto macelleria, pasticceria, bar e ristorante, offre un'atmosfera retrò e rilassata, dal tè del pomeriggio al drink della sera. Gli spazi interni, arredati in modo nostalgico e ironico (una statua della Madonna svetta tra gli alcolici) ospitano spesso mostre, concerti e feste.
Places
Vyta Santa Margherita, una bakery d'autore a Firenze
Products
Le novità Bang & Olufsen a IFA 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”